"/>
mercoledì 18 luglio 2018 20:15:38
omnimilano

Sicurezza sul lavoro, corteo dei sindacati dopo l’incidente alla Lamina

“Oggi siamo qui, a Milano che dovrebbe essere la locomotiva italiana e invece è maglia nera per gli infortuni sul lavoro”. Lo ha detto Raffaella Turi della Fiom Lombardia, una delle sigle che ha indetto uno sciopero di due ore questo pomeriggio per ricordare le vittime della Lamina spa e che guida il corteo che si è snodato da piazza San Babila per chiedere più sicurezza sul posto di lavoro.“Alla Prefettura chiediamo misure concrete, in due giorni ci sono stati cinque morti – ha continuato – non è più possibile stare a guardare la gente che muore, che esce per andare a lavorare e non torna più a casa”. Una delle richieste che i sindacati faranno in prefettura è di avviare “in via straordinaria una task force per inviare gli ispettori, rafforzando la loro presenza, magari affiancati a nuclei di Carabinieri preposti che intervengono nelle aziende subito”. “A volte – racconta ancora Turi – passano mesi prima che intervengano dopo le nostre segnalazioni e denunce” e inoltre “la precarizzazione e il ricatto pesante che c’è anche sui neo assunti con le tutele crescenti, fa si che i lavoratori abbiano paura a denunciare”.