"/>
lunedì 21 agosto 2017 04:56:24
omnimilano

2 giugno, milanesi e turisti a palazzo Marino: Sala li accoglie nel suo ufficio

Italiani di tutte le età e di ogni regione, ma anche tedeschi o inglesi. Si sono presentati in tanti questa mattina a Palazzo Marino che oggi, in occasione del 71esimo anniversario della nascita della Repubblica, è aperto al pubblico. Ad accogliere i visitatori il padrone di casa Giuseppe Sala che ha aperto le porte del suo ufficio al primo piano del palazzo e non si è sottratto a foto e strette di mano, ma si è spinto anche oltre: a due giovani turiste tedesche in cerca di un biglietto per uno spettacolo alla Scala, per esempio, ha promesso il suo impegno per aiutarle nella ricerca. Il primo cittadino ha chiacchierato con tutti i suoi ospiti, passando dall’italiano a un fluente inglese allo spagnolo. È stato contento di accogliere un ragazzo di origine giapponese “appena diventato milanese” e ha stretto la mano a un padre dispiaciuto perché la figlia, arrivata a Milano per studiare, ha deciso di vivere nel capoluogo lombardo anche dopo la laurea. A un bimbo che da grande vuole diventare un supereroe ha chiesto aiuto perché “di supereroi il sindaco ha sempre bisogno”. Sulla grande scrivania quadrata che prima era nei suoi uffici a Expo tre dossier importanti: quello sulla Brexit, quello sui Navigli tema “che diventerà caldo”, ha spiegato lo stesso Sala ai cronisti, e quello che vaglia la possibilità di avere delle biciclette senza stallo.