"/>
venerdì 23 febbraio 2018 01:39:43
omnimilano

GAGGIOLO, FINANZIERI SCOPRONO SERRA HI-TECH CON 90 PIANTE MARIJUANA

28 novembre 2017 Senza categoria
La Guardia di Finanza di Gaggiolo, in provincia di Varese, ha concluso un’operazione di contrasto al traffico di stupefacenti che ha portato all’arresto di due persone e al sequestro di due piantagioni di canapa indiana e numerose dosi già confezionate. Il servizio – spiega i finanzieri – è partito dall’attività di controllo economico del territorio, finalizzato al contrasto dei traffici illeciti, quando alcune pattuglie della Compagnia di Gaggiolo avevano rilevato una massiccia presenza di persone che entravano ed uscivano da una falegnameria di Arcisate (Varese). Le fiamme gialle hanno quindi deciso di intervenire. Nei pressi della falegnameria una pattuglia ha proceduto all’identificazione di un giovane che usciva dal laboratorio. Mentre quest’ultimo tentava di dare una spiegazione sulla presenza nel luogo, riceveva un messaggio WhatsApp sul proprio telefonino da un altro soggetto, identificato in seguito quale titolare della falegnameria, che lo allertava circa la presenza di forze di polizia. Infatti, il titolare della falegnameria, dall’interno aveva notato una pattuglia di finanzieri senza però essersi accorto che un’altra pattuglia aveva già fermato il giovane. Alla luce di sufficienti indizi circa lo svolgimento di attività illecite all’interno della falegnameria, i Finanzieri hanno anche richiesto l’intervento dell’unità cinofila di Malpensa. È stato infatti Denim, il cane antidroga delle Fiamme Gialle, ad indirizzare immediatamente i militari di Gaggiolo verso un manufatto posto su un lato del capannone. All’interno dello stesso, i Finanzieri rinvenivano 90 piante di canapa indiana coltivate in una modernissima serra, equipaggiata con potenti lampade da riscaldamento e un grosso impianto di areazione che riproduceva un clima tropicale controllato elettronicamente da sofisticati sensori. Poiché vi erano anche numerosi vasi con le sole radici, segno evidente che era già stato effettuato il raccolto di altre piante coltivate in precedenza, i Finanzieri hanno perquisito le abitazioni del titolare della falegnameria e del giovane, figlio della compagna dell’imprenditore. I finanzieri rinvenivano in locali attigui all’abitazione dell’imprenditore, un’altra serra del tutto simile a quella rinvenuta nella falegnameria al cui interno vi erano 50 piante di canapa indiana, mentre altre 30 erano in vari locali dell’abitazione. Negli stessi locali venivano rinvenuti anche 2,7 kg di marijuana già imbustate e pronte per lo spaccio. Anche la perquisizione a casa del giovane consentiva di rivenire, marijuana per circa 1,3 kg e 7 grammi di hashish. Nelle due abitazioni i Finanzieri sequestravano inoltre 6 mila euro in contanti, frutto dell’attività illecita, occultati in vasi di terracotta e in custodie di cd. I due soggetti sono stati arrestati e condotti nel carcere di Varese a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. L’operazione di servizio appena conclusa, si inserisce nel più ampio dispositivo di controllo del territorio assicurato dalla Guardia di Finanza, teso a contrastare ogni forma di traffico illecito.

Condividi questo articolo