"/>
mercoledì 20 settembre 2017 16:58:29
omnimilano

Furti in abitazione, Polizia sgomina banda di ‘specialisti’

17 agosto 2017 Cronaca

Cinque cittadini albanesi sono stati fermati dalla polizia: sono ritenuti responsabili di furto aggravato in abitazione, ricettazione e detenzione illegale di armi.
La Polizia di Stato di Brescia e Milano nei giorni scorsi ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto 5 soggetti albanesi ritenuti componenti di una banda specializzata nella commissione di furti in abitazione. Il gruppo criminale, che aveva la propria base operativa a Sesto San Giovanni (MI), agiva in modo sistematico e continuativo, spostandosi in diverse province della Lombardia e del Piemonte. Le indagini – spiega la polizia – sono state avviate nei mesi scorsi dalla Squadra Mobile di Brescia, dopo alcuni furti nei quali risultava coinvolta una potente autovettura marca Mercedes.  I fermati sono tutti di età compresa tra i 25 e i 35 anni, non vivevano in modo stanziale in Italia ma gravitavano nella zona di Pioltello tenendo la Mercedes ricoverata a Sesto San Giovanni. Tre sono stati bloccati a Cernusco sul Naviglio venerdì scorso mentre pranzavano in un ristorante cinese, un quarto a Pioltello poco dopo mentre rincasava e il quinto a Trezzano Rosa mentre stava per fuggire da Milano con la compagna. Altri due albanesi sono stati per il momento identificati. Il gruppo agiva con 4 persone alla volta, una faceva da palo e le altre tre entravano in appartamenti ai piani bassi o in villette, in provincia di Milano, Monza e Brianza, Brescia e Bergamo. Al momento sono stati attribuiti agli arrestati tre furti, avvenuti tutti meno di un mese fa, a Segrate, a Vimercate e in una piccola localitá in provincia di Brescia, hanno effettuato numerosi altri tentativi di furto falliti per merito di vicini di casa che hanno dato l’allarme. Negli alloggi temporanei gli agenti della squadra mobile hanno trovato della refurtiva anche se spesso gli albanesi rientrando dopo aver commessso i furti facevano tappa al campo nomadi di via Bonfadini per disfarsi subito di gioielli e orologi. Tra gli attrezzi atti allo scasso sequestrati, anche un oggetto forgiato apposta da un fabbro per permettere ai ladri di arrampicarsi agilmente sulle facciate, formato da un gancio e da un lungo bastone con al termine un appoggio per il piede. La cattura della banda è stata difficile anche per via della vettura che usavano per le rapine, una Mercedes speciale, appositamente modificata, grigia, con targa svizzera, che arriva alla velocità di 300 km/h. È risultata rubata anche la pistola trovata in possesso di uno dei fermati.  Presso l’abitazione di uno degli indagati è stata rinvenuta e sequestrata anche un pistola e 37 proiettili, risultati rubati nel corso di un furto commesso nei mesi scorsi in provincia di Bergamo.
Per quattro dei cinque fermati, il GIP di Milano ha convalidato il provvedimento restrittivo e disposto la custodia cautelare in carcere. Il quinto soggetto, emerso solo nella fase finale delle indagini, è stato invece scarcerato.

Condividi questo articolo