"/>
giovedì 19 ottobre 2017 21:56:40
omnimilano

Fumo, tabagisti milanesi non calano: ‘bruciano’ in media 10,5 sigarette al giorno

25 maggio 2016 Cronaca

I fumatori milanesi ‘bruciano’ ogni giorno una media di 10,5 sigarette, 11 gli uomini e 10 le donne. Un numero invariato rispetto allo scorso anno, con un aumento da parte degli uomini (da 9,5 a 11) ed una diminuzione nelle donne (da 11,4 a 10). Sono alcuni dati che emergono dall’Indagine condotta dalla Doxa per conto della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Milano, in occasione del prossimo 31 maggio in cui si celebra la Giornata Mondiale senza Tabacco, indetta dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità. Ogni anno in Italia – ricorda la Lilt – muoiono circa 83 mila persone per patologie correlate al fumo, per questo è fondamentale continuare a sensibilizzare la popolazione, fumatori e non, sui rischi che questa cattiva abitudine comporta sulla salute.
“Il numero dei fumatori a Milano è rimasto stabile negli ultimi 5 anni; dal 2012 ad oggi i fumatori dai 15 anni in su oscillano tra il 20 e il 21%, senza alcuna variazione significativa, dopo il trend decrescente degli anni precedenti – dichiara Marco Alloisio, Presidente della Lilt di Milano –. Questa stabilità è forse la dimostrazione che l’abitudine dannosa al fumo è così radicata che risulta sempre più difficile contrastarla. Infatti ciò che emerge è che non sono aumentati i fumatori, ma non sono nemmeno diminuiti. A mio avviso, però, il dato milanese incoraggiante, che emerge dall’indagine, riguarda l’aumento dell’intenzione di smettere di fumare nei prossimi 6 mesi cresciuta dal 20 al 26% (32% fra le donne) rispetto allo scorso anno. Le sigarette sono il maggior fattore di rischio per l’insorgenza del carcinoma del polmone. Al fumo è possibile ascrivere l’85-90% di tutti i tumori polmonari. Un rischio che cresce con la quantità delle sigarette fumate e con la durata dell’abitudine al fumo. Nel 2014 nella provincia di Milano sono stati registrati 1760 decessi causati da questa patologia, 1178 uomini e 582 donne. Il tumore al polmone rappresenta il 21% dei decessi per tumore nella popolazione della provincia di Milano. Mi chiedo – continua il prof. Alloisio – cosa possiamo fare di più per sensibilizzare ulteriormente i cittadini contro il fumo. Il 20 maggio, per esempio, sono entrate in vigore in tutta Europa le norme della Direttiva Ue con l’obiettivo di dissuadere i consumatori, in particolare i giovani, dall’acquisto e dal consumo di prodotti contenenti tabacco e nicotina. Il nostro lavoro a tutto campo deve proseguire con l’attuazione di strategie sempre più mirate in collaborazione con le istituzioni del territorio. Dall’indagine è infatti emerso che il 41% di cittadini milanesi intervistati vorrebbero dal prossimo futuro sindaco più campagne informative anti-fumo e più divieti a Milano”.

Condividi questo articolo