"/>
domenica 19 novembre 2017 15:30:11
omnimilano

FABBRICA VAPORE, SCUOLE COINVOLTE IN VISITE ‘TOUCH’ UFFIZI VIRTUAL EXPERIENCE

19 gennaio 2016 Cronaca

Multi- proiezioni interattive immersive e in movimento ma soprattutto il primo metodo al mondo che da un “quadro digitale”, con immagini ad altissima risoluzione, permetterà di “toccare” l’intero patrimonio degli Uffizi di Firenze. Così gli studenti delle scuole di Milano, dal 22 gennaio al 10 marzo, osserveranno 1150 opere d’arte, sviluppate nel corso di 400 anni di storia restando a Milano. E' la prima edizione della mostra digitale Uffizi Virtual Experience. “Da Giotto a Caravaggio, con il metodo Uffizi Touch”, sarà presentata alla Fabbrica del Vapore giovedì prossimo la conferenza stampa alle 18 e la visita in anteprima alle 19. Dal 22 gennaio al 10 marzo 2016 si potrà visitare la Mostra alla Fabbrica del Vapore. Le novità? Multi- proiezioni interattive immersive e in movimento ma soprattutto il primo metodo al mondo che da un “quadro digitale”, con immagini ad altissima risoluzione, permetterà di “toccare” l’intero patrimonio Nei giorni feriali – comunica l'Ufficio scolastico regionale – sarà aperta alle scuole di ogni ordine e grado – primarie, secondarie di I e di II grado – con un programma quotidiano e percorsi differenziati. Sabato e domenica invece il programma sarà rivolto alle famiglie e alla sera al pubblico degli adulti. Per le scuole dunque sono previste, oltre alla visita della Mostra, lezioni frontali e partecipate allestite dalla storica dell’arte Irene Martinelli, laboratori didattici e workshop realizzati dalla Scuola di Teatro Luca Ronconi del Piccolo Teatro. L’esperienza sarà arricchita dall’utilizzo di una app scaricabile gratuitamente dai visitatori, grazie a cui potranno non solo scoprire in loco i particolari e la presentazione scenografica di ogni opera, ma anche ulteriori contenuti collegati in altri punti della città. Un approccio assolutamente nuovo alle digital humanities, dove l’arte e la tecnologia più raffinate si incontrano per parlare alle nuove generazioni. L’obbiettivo del connubio è aiutare a valorizzare al massimo il patrimonio artistico italiano costruendo un’esperienza didattica e culturale inedita e suggestiva.

Condividi questo articolo