"/>
venerdì 20 ottobre 2017 10:59:57
omnimilano

Expo, a un anno da apertura e dai disordini: anniversario divide i candidati sindaco

30 aprile 2016 comunali, Politica

Il primo anniversario dall’apertura di Expo divide i candidati sindaci. “Domani si festeggia non so cosa bene di preciso” visto che “il primo maggio dell’anno scorso e’ stata una brutta giornata per Milano”, ha detto Stefano Parisi. “Un anno fa la citta’ venne devastata da parte dei Black Bloc – ha infatti ricordato a margine di un incontro nel comitato elettorale della lista civica Parisi per una Milano Unica – parte in questi giorni il processo e vedo che il Comune non si e’ costituito parte civile”. “Purtroppo – ha proseguito – questa ambiguità rispetto ai movimenti antagonisti continua ad incombere su questa amministrazione” e invece, ha sostenuto il candidato del centrodestra “sarebbe stato meglio se il Comune avesse preso una posizione piu’ netta”. Parole a cui replica Beppe Sala, l’ex ad di Expo che solo ieri aveva ricordato con “nostalgia” le ore prima dell’apertura dell’esposizione. “Ci vorrebbe un po’ piu’ di riconoscenza, non per me, ma per quelli che han fatto un grande lavoro in Expo – ha detto -. Mi chiedo dove Parisi ha vissuto nel 2015. Expo e’ stato un momento straordinario per le città, queste cose le trovo un po’ tristi. Comunque decideranno i milanesi se c’e’ da festeggiare Expo il primo maggio, in ogni caso e’ sempre un giorno da festeggiare”. A rincarare la dose anche Riccardo De Corato, capolista di Fdi che parla di  “triste anniversario” e di “eccessiva tolleranza dimostrata dall’Amministrazione comunale nei confronti degli antagonisti e attivisti dei centri sociali, che prima di quel triste giorno aveva elevato la percezione di impunità per i nemici della legalità”. Per il segretario metropolitano del Pd, Pietro Bussolati, invece “i cittadini hanno creduto in Expo e oggi ne ricordano il successo”.  “Dov’era Parisi un anno fa quando, dopo le devastazioni, i milanesi sono scesi in strada a riparare i danni, ripulire i muri e le strade di Milano? Le sue parole offendono migliaia di cittadini”, aggiunge.

Condividi questo articolo