"/>
mercoledì 23 agosto 2017 21:22:46
omnimilano

Esplosione via Brioschi, fermato il marito di Micaela Masella: è accusato di strage

1 luglio 2016 Cronaca

E’ stato sottoposto a fermo Giuseppe Pellicanò, il marito di Micaela Masella, una delle vittime dell’esplosione di via Brioschi. La misura, si apprende dalla polizia, e’ stata disposta dai PM Gatto e Ramondini per il reato di strage. Secondo l’ipotesi degli inquirenti, l’uomo avrebbe volontariamente staccato il rubinetto dell’impianto gas dal dal flessibile dei fornelli, così causando la fuoriuscita del gas che ha poi provocato l’esplosione il 12 giugno alle 8.45. L’intenzione dell’uomo sarebbe stata quella di uccidere la moglie Micaela Masella – da cui si stava separando – e le due figlie, rimaste ferite e ora in via di miglioramento al Niguarda. L’uomo, dimesso oggi dal Niguarda, dove era ricoverato dal giorno dell’esplosione, è stato condotto dalla Squadra Mobile a San Vittore. Nello scoppio, oltre alla donna morirono due giovani di 27 anni.

PELLICANO’ AVEVA TENTATO DI MANOMETTERE TUBO GAS 3 GIORNI PRIMA – Dai nuovi dettagli comunicati questa sera in questura sull’esplosione di via Brioschi per cui oggi e’ stato fermato Giuseppe Pellicanò, marito di Micaela Masella, una delle vittime dello scoppio, emerge che “è un dato oggettivo che la manovella del gas sia stata manomessa”. Anzi, emerge – in base a una fuoriuscita di gas anomala- che c’è stato un altro tentativo di manomissione tre giorni prima dell’esplosione. È poco probabile, secondo la questura, che si sia trattato di malfunzionamento casuale che, dopo essersi risolto da solo, si è ripresentato in maniera molto più importante tre giorni dopo. A questo si aggiunge che la valvola è stata trovata chiusa, cosa plausibile con l’ipotesi che Micaela Masella si sia accorta della fuoriuscita e abbia tentato di rimediare senza però riuscire ad impedire lo scoppio. L’uomo non accettava la separazione dalla donna, che aveva un altro compagno, e il suo gesto sarebbe stato la conseguenza di uno stato psicologico “rabbioso” contro la donna che aveva deciso di chiudere la relazione.

Condividi questo articolo