"/>
lunedì 19 febbraio 2018 00:54:23
omnimilano

ERO STRANIERO, CASA CARITÀ: A MILANO RACCOLTE 21.500 FIRME, UN QUARTO DEL TOTALE

17 novembre 2017 Politica
  Sono 21.500 le firme, su un totale di oltre 86mila, raccolte a Milano e nella città metropolitana a sostegno della campagna Ero Straniero. L’umanità che fa bene. Il dato viene annunciato dal presidente della Casa della carità don Virginio Colmegna, a poche ore dall’avvio di “Milano Mondo: migrazioni e coscienza dei territori”, che lo vedrà impegnato questo pomeriggio al tavolo intitolato “Dall’emergenza alla cittadinanza: integrazione e diritti umani”.
“Da tanto si parla di come superare la gestione emergenziale del fenomeno migratorio e di come includere i nuovi arrivati nel tessuto sociale, garantendo diritti e sicurezza per tutti. Il rapporto presentato qualche giorno fa dal Comune di Milano sul sistema d’accoglienza dei migranti nella nostra città fotografa ancora una situazione critica, nella quale c’è molto da fare: si dovrebbe garantire l’insegnamento della lingua italiana, ma in molte realtà non avviene; si dovrebbero tutelare quei migranti che soffrono di disagio mentale, ma le strutture adeguate sono poche, fino ad arrivare alla lunga permanenza nei centri di accoglienza straordinaria, i CAS, il cui numero è ancora troppo elevato rispetto ai posti del sistema Sprar, che si dimostra il più efficace, ma che anche a Milano e in Lombardia, non è ancora diffuso come dovrebbe. Come evidenzia il recente Rapporto Sprar 2017, su 23.700 persone accolte nella nostra regione, 21.500 sono nei CAS”, dice il presidente della Casa della carità, che è tra gli enti promotori della campagna Ero Straniero.
“Questa tendenza va invertita in fretta, altrimenti parlare di inclusione e cittadinanza è fare vuota retorica. Una risposta concreta e possibile è il superamento della Bossi-Fini, come proposto dalla legge di iniziativa popolare di Ero Straniero. I 21.500 milanesi che con la loro firma hanno scelto di sostenerla, confermano che Milano può essere il trampolino dal quale prendere lo slancio per affrontare in modo nuovo la sfida dell’immigrazione, proprio come si propongono di fare queste giornate di riflessione e confronto promosse dall’assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino”, conclude don Colmegna.
La campagna Ero Straniero è stata promossa da Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, Radicali Italiani ed Emma Bonino, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD con il sostegno di centinaia di sindaci e di organizzazioni, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes, CGIL e Fim Cisl. Il 27 ottobre 2017, al termine dei sei mesi a disposizione per la raccolta delle firme, i promotori della campagna hanno consegnato alla Camera dei Deputati oltre 86mila firme, ben oltre le 50mila necessarie per la presentazione di una legge di iniziativa popolare.

Condividi questo articolo