"/>
giovedì 16 agosto 2018 15:39:29
omnimilano

Ema, da Europarlamento “sì con condizioni” a trasferimento sede ad Amsterdam

15 marzo 2018 Politica

L’europarlamento approva il trasferimento dell’agenzia del farmaco (Ema) ad Amsterdam, ma “con delle condizioni”, si legge nel comunicato diramato dall’europarlamento. “I deputati chiedono il rispetto dei termini di consegna per l’edificio di Amsterdam; propongono di rivedere la procedura per decidere la sede delle agenzie UE”. Nel dettaglio, i deputati hanno “esortato la Commissione europea e le autorità olandesi a consegnare le nuove infrastrutture in tempo utile, in modo da garantire all’Agenzia una facile transizione e consentirle di trasferirsi nella sede temporanea entro il 1° gennaio 2019 e nella nuova sede permanente entro il 16 novembre 2019”.
Giovanni La Via (PPE, IT) ha dichiarato: “Siamo preoccupati per il rischio di ritardi nella costruzione del nuovo edificio Vivaldi ad Amsterdam, che potrebbe causare un deterioramento del flusso di lavoro dell’agenzia, che è proprio quello che vogliamo evitare.
Abbiamo aggiunto delle condizioni al testo legislativo, al fine di evidenziare i termini di consegna da rispettare e stabilire l’obbligo per la Commissione e le autorità olandesi di riferire ogni tre mesi sullo stato di avanzamento dei lavori di adeguamento e costruzione dell’edificio.
Gli Stati membri non dovrebbero aspettarsi che il Parlamento europeo si limiti ad approvare automaticamente le loro decisioni. Ci rammarichiamo che il suo ruolo di co-legislatore non sia stato rispettato, ed è per questo motivo che desideriamo che la decisione sia presa in sede di trilogo, nel quadro della procedura di codecisione”.
La risoluzione è stata approvata con 507 voti in favore, 112 voti contrari e 37 astensioni. I deputati avvieranno ora negoziati informali a tre (“trilogo”) con la Presidenza del Consiglio e con la Commissione, al fine di raggiungere un accordo in prima lettura sulla nuova sede dell’EMA.

Condividi questo articolo