"/>
mercoledì 22 novembre 2017 13:31:36
omnimilano

Due giovani accoltellati, uno è gravissimo Entrambi gli episodi in zona Bocconi

4 luglio 2016 Cronaca

Due accoltellamenti ieri sera dopo le 22, una delle vittime è in pericolo di vita. Il primo episodio è avvenuto alle 22.30 in piazza Sfraffa, all’uscita del locale Limelight: a seguito di una lite tra due gruppi di sudamericani, un 21enne salvadoregno è stato ferito con una profondo taglio alla gola. Trasportato al Policlinico in rosso, ora è in codice giallo e non corre pericolo di vita. La seconda aggressione è avvenuta non lontano dal primo episodio: a bordo del tram 15 all’altezza della fermata di piazzale di Porta Lodovica. La vittima è un 18enne albanese colpito con numerose coltellate all’addome e alla schiena. Trasportato in gravissime condizioni all’Humanitas, è tuttora in pericolo di vita. Ad occuparsi degli episodi è la Polizia, sono in corso accertamenti per capire il collegamento tra i due fatti e se si tratta delle stesse persone.

Episodi simili anche domenica: all’alba infatti un  21enne ecuadoriano era con 3 amici in strada quando una vettura lo ha affiancato in via Barzoni, è sceso un uomo e lo ha accoltellato al collo. La ferita non è profonda, il giovane è stato trasportato in codice giallo al Policlinico, non è in pericolo di vita. Quando il 21enne è stato colpito era da poco uscito da un locale in cui aveva trascorso la serata con gli amici, coetanei e connazionali.  Nella serata di sabato invece un italiano 19enne, di origini colombiane, disoccupato e incensurato, è stato arrestato per l’accoltellamento di un coetaneo peruviano. L’aggressione si è verificata al culmine di una violenta discussione tra i due, iniziata un’ora prima a bordo del treno Lecco – Milano, all’altezza di Arcore (MB) ed è avvenuta sulla banchina ferroviaria, dove l’uomo ha ferito la vittima all’emitorace sinistro. Subito dopo, mentre il peruviano cercava soccorso all’interno della stazione, il 19enne ha tentato di nascondersi in un bar, ma e’ stato bloccato dai militari del Nucleo Radiomobile.

Condividi questo articolo