"/>
mercoledì 28 giugno 2017 04:04:25
omnimilano

Dj Fabo, venerdì cerimonia nella parrocchia di Sant’Ildefonso. Mina Welby: “Grazie alla Chiesa per gesto apertura”

6 marzo 2017 Cronaca

“Per chi volesse salutare Fabo, la cerimonia sara’ Venerdi’ 10 alle ore 19.00 nella parrocchia di sant’Ildefonso, piazzale Damiano Chiesa 7. Milano.” Così su Facebook Valeria Imbrogno, la compagna di Fabio Antoniani, dj Fabo, morto nei giorni scorsi in Svizzera dove si era recato accompagnato da Marco Cappato per sottoporsi ad eutanasia. Il post è stato condiviso dallo stesso Cappato: “Per chi vorrà salutare e ringraziare Fabo, ci vediamo venerdì”, ha scritto l’esponente radicale sui social network. “Dieci anni fa – ha scritto Cappato su Facebook – il Vaticano chiuse le porte in faccia a Welby. Per Fabo, le porte della Chiesa saranno aperte: Venerdi’ 10 alle ore 19.00 nella parrocchia di sant’Ildefonso, piazzale Damiano Chiesa 7”, sottolineando la possibilità della cerimonia in una parrocchia, nonostante la scelta di ‘Fabo’ di sottoporsi a eutanasia. In un post su Facebook, di fronte alle perplessità di alcuni commenti alla cerimonia in una chiesa, l’associazione Luca Coscioni spiega che “sarà una cerimonia laica, un ricordo di Fabo in uno degli spazi della parrocchia”.   “A Piergiorgio fu negato il funerale religioso”, commenta Mina Welby, co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica. “Mio marito aveva chiesto l’eutanasia e, anche se lui riuscì a ottenere l’interruzione delle terapie nel pieno rispetto del diritto e della Costituzione, io non riuscii a ricevere la comprensione della Chiesa alla quale avevo chiesto la cerimonia religiosa. Ringrazio personalmente i sacerdoti, come Don Gallo, che mi avevano comunque manifestato la loro solidarietà.” “Oggi invece molti illustri rappresentanti della Chiesa hanno espresso la propria compassione e comprensione per il dolore di Fabo e a nome mio e dell’Associazione Luca Coscioni non posso che porgere un sincero e profondo ringraziamento per questa apertura che porta con sé un grande valore di umanità e progressismo”, prosegue Mina Welby.

Condividi questo articolo