"/>
martedì 24 ottobre 2017 05:52:08
omnimilano

Apre Book box, una rete di piccole biblioteche gestita da giovani autistici

29 novembre 2016 Cronaca

È stato presentato oggi a villa Finzi ‘Book box’, progetto per creare una rete di piccole biblioteche diffuse sul territorio gestite e catalogate da giovani autistici, che in questo modo potranno essere impegnati in una attività nuova e utile anche in un’ottica di avviamento al lavoro. Il piano, presentato oggi dall’assessore Pierfrancesco Majorino, dalla presidente della commissione consiliare Politiche sociali Angelica Vasile e dai rappresentanti delle tre realtà coinvolte (Ledha, associazioni del tavolo per l’autismo e i gruppi di Auto mutuo aiuto) prevede di dotare i luoghi pubblici di attesa di scaffali di libri e riviste gestiti e aggiornati periodicamente dagli utenti delle associazioni del tavolo per l’autismo. Villa Finzi e la sua ‘Casa solidale’ sarà il polo di una rete di librerie diffuse, coordinata dall’associazione Fabula onlus, che comprenderà altre sei book box nelle sedi delle associazioni promotrici: Spazio Aperto Servizi in via Mancinelli 3, la Nostra Comunità in via Zante 36, Cascina Biblioteca in via Galileo Ferraris 1/a, i Percorsi in via Paolo Bazzi 2, Cascina Bianca in via delle Primule 3 e Fondazione Aquilone in via del Tamigi 7. Oltre a questi spazi, i promotori lanciano un appello alle realtà pubbliche e private interessate all’iniziativa a farsi avanti, offrendo il servizio dei ‘Book box’. Inoltre, il progetto prevede l’identificazione di tre giovani affetti da sindrome di Asperger per un inserimento in tre posizioni lavorative. Il progetto ha ricevuto un contributo da Ikea, che ha donato gli arredi per le sette sedi, e si offre di ospitare uno dei ‘Book box’. L’iniziativa è parte delle ‘Giornate per la Disabilità’ in programma fino al 3 dicembre, che prevedono oltre trenta eventi. Per l’assessore Majorino “Book box è un bellissimo progetto, nato per coinvolgere ragazzi con disturbi dello spettro autistico in una attività legata ai libri. I ragazzi si prenderanno cura della libreria della casa solidale e di altri sei punti nel resto della città, conservando i libri che saranno raccolti e soprattutto distribuendoli in luoghi dove il piacere della lettura accompagnerà l’attesa delle persone. In questo modo i ragazzi saranno di fatto impegnati in una attività per loro nuova, che li potrà formare in un’ottica di avviamento al lavoro”. Le attività di Villa Finzi si inseriscono in un sistema più ampio di servizi, tra questi ci sono i 40 centri diurni cittadini che accolgono 868 persone con disabilità fisiche e cognitive gravi, di età compresa tra i 18 e i 65 anni. La Giunta comunale recentemente ha approvato le linee guida per la stipula delle convenzioni con gli enti gestori di questi centri per il triennio 2017-2019, con un investimento di 17,7 milioni di euro. Dal 2011 al 2015 sono 212,5 i milioni di euro destinati dal comune all’area disabilità, con un aumento di spesa del 34,7% rispetto ai precedenti 5 anni. Nel 2016, la spesa messa a bilancio per interventi e contributi a favore di persone con disabilità è di 44,8 milioni di euro.

Condividi questo articolo