"/>
sabato 21 ottobre 2017 10:35:15
omnimilano

Dalle case popolari al bilancio di Expo
Il confronto tra i candidati alle primarie

20 gennaio 2016 comunali, Politica

Di scena il primo dibattito con Giuseppe Sala, Francesca Balzani, Antonio Iannetta e Pierfrancesco Majorino: prime le domande dei giornalisti poi dei comitati avversari.

Primo confronto pubblico tra tutti e quattro i candidati alle primarie del centrosinistra. Al Teatro Dal Verme, dopo le lunghe code all’entrata, Giuseppe Sala, Francesca Balzani, Antonio Iannetta e Pierfrancesco Majorino si sono confrontati su diversi temi: dalle tasse locali al bilancio di Expo, dalle case popolari allo sport. “Penso che sarebbe imporante che il Comune chiedesse di avere la gestione anche delle case Aler”, ha detto Francesca Balzani.  “Sul tema delle case erp il Comune ha fatto la scelta di affidarne la gestione a Mm – ha spiegato Balzani – e questo ha dato buoni frutti e rinnovato il rapporto con gli inquilini. Poi ci sono ancora gli inquilini Aler, con un trattamento diverso” e questa e’ per Balzani la situazione a cui porre rimedio. Poi “il sindaco di Milano e’ anche quello della citta’ metropolitana e ci sono cose che funzionavano e che vanno riprese come le agenzie per il lavoro. Diamo senso alla citta’ metropolitana e facciamo un sistema pubblico efficiente per aiutare chi ha bisogno di un lavoro”. img_20160120_194037-resized-1280

Per Majorino “se il 2011 è stato l’anno della liberazione dal centrodestra, il 2016 deve essere quello della rigenerazione dei quartieri. Milano non può crescere a due velocità. Sulla qualità della vita delle persone e sul loro riscatto sociale si gioca il senso stesso del nostro essere centrosinistra. Entro il 2021 chi vince si impegni a riparare allo scandalo delle case vuote. Deve diventare la nostra ossessione insieme a quella di mettere i giovani milanesi al lavoro”.   Dai candidati “perdenti” alle primarie al vincitore “non ci dovra’ essere solo sostegno politico ma operativo per costruire i piani di vero governo della citta’”. ha detto Giuseppe Sala, nel confronto fra i quattro candidati alle primarie del centrosinistra al teatro Dal Verme, interpellato riguardo al “post” 7 febbraio. Per Sala con l’amministrazione Pisapia “abbiamo aperto una parentesi e la chiuderemo molto molto in la’. Alle primarie si sviluppa un macroprogramma e gli elettori voteranno in base alla fiducia e quello che percepiranno” sui candidati ma “dall’8 febbraio si lavora non a un programma elettorale ma a un piano d’azione perche’ noi governeremo” ed e’ “fondamentale essere pronti” a ripartire “velocemente”, con “assessori gia’ in campo”.  Iannetta ha parlato molto del suo tema, lo sport: “San Siro ha due grandi squadre in questa città. Lo stadio è appena stato ristrutturato per la Champions League. Io non lo svenderei, ma vorrei ragionare, perché la sostenibilità economica deve essere chiara a tutti. È un simbolo per me, ma bisogna vedere se i cittadini sono disposti a farsene carico”.

Condividi questo articolo