"/>
lunedì 19 febbraio 2018 00:55:15
omnimilano

Dai mentori ai pianoforti diffusi, in spazi ex Ansaldo ‘factory’ Base lancia nuovi progetti

31 gennaio 2018 Cronaca

Una grande “Learning Machine”, con nuovi spazi raddoppiati fino a 12mila mq, nuove funzioni e un’ampia programmazione annuale, accompagnata dall’introduzione della nuova figura dei mentori. Queste alcune delle novità di Base Milano, la ‘factory’ di via Bergognone nata negli spazi ex Ansaldo due anni fa. Per Base, che ha presentato stamani la nuova programmazione e le attività, inizia una “nuova fase evolutiva” per proporsi come “una macchina per l’apprendimento, laboratorio di formazione permanente al servizio della città, del quartiere e dei professionisti delle industrie creative. E, allo stesso tempo, una macchina che apprende, un grande organismo capace di mettere in dialogo comunità creative diverse per assorbire, condividere e ritrasformare reciproci contenuti e contaminazioni”. Con questo spirito Base annuncia prototipi di nuovi formati di spazi e funzioni urbane che saranno presentati in occasione della design week milanese: una nuova portineria di quartiere, una rinnovata officina interna in condivisione, un cortile pergolato che diventa spazio per l’intrattenimento culturale, un grande tetto a terrazza con vista sull’ex Ansaldo. Nella seconda metà dell’anno sarà la volta degli atelier per gli artisti in residenza, più spazi di lavoro condiviso nel “burò”, l’area coworking di Base, un centro per la produzione musicale e un laboratorio per l’artigianato digitale e la prototipazione. Contaminazione e multidisciplinarità saranno il segno distintivo della programmazione di BASE, con i nuovi mentori e l’avvio delle residenze d’artista a casaBASE, i workshop di campoBASE potenziati ed estesi lungo l’intero anno, programmi d’incubazione e progetti speciali come PianoLink, che vedrà una serie di pianoforti distribuiti tra gli spazi industriali dell’ex-Ansaldo a disposizione di musicisti. Una programmazione a tutto campo: editoria, grafica e illustrazione; architettura, city making, urbanistica; cinema, video arte, realtà aumentata, realtà virtuale e animazione; fotografia; cultura digitale; innovazione sociale; design industriale; fashion design, streetwear e arti tessili; musica jazz, classica, acustica, elettronica; club culture; arti performative. Base punta su un network costruito nei primi venti mesi di vita del progetto per un calendario, è stato spiegato stamani, costruito in co-produzione con decine di organizzazioni che operano a Milano, in Italia e nel mondo. Learning Machine rilegge così i 5 ambiti prioritari d’azione di Base (city making, musica, prototipi, social design, incubatore creativo), con iniziative specifiche legate all’apprendimento.
Oltre ai programmi, si allargano gli spazi: partiti nel giugno 2017, i lavori per la riqualificazione dei 6mila metri quadrati del secondo e terzo piano e del cortile arriveranno ad aprile a un primo momento di consegna. La prima tranche sarà presentata alla design week insieme a una mostra sul city making e l’urban design partecipativo. Come prototipi di nuovi formati di spazi e funzioni urbane, Base presenterà una nuova portineria di quartiere, l’ampliamento dell’officina interna in condivisione, un cortile pergolato completamente rigenerato convertito da parcheggio a spazio per l’intrattenimento culturale e un grande tetto a terrazza con vista sull’ex-Ansaldo in trasformazione. Nel corso del 2018 saranno attivati gli atelier per gli artisti in residenza, più spazi di lavoro condiviso nel burò – la project house di BASE, un centro per la produzione musicale e un laboratorio per l’artigianato digitale e la prototipazione. Tra le novità del 2018, la nuova figura del mentore, uno per ognuna delle principali aree di programmazione. I mentori affiancheranno il processo di selezione e produzione di contenuti, sperimenteranno nuovi formati di eventi, mostre e performance, tenendo vive le relazioni con le diverse comunità creative di riferimento. Tra i mentori già designati: Matteo Ragni (design), Davide Giannella (art cinema e immagini in movimento), Associazione Illustri (illustrazione), Air3 (cinema e videomaking), LINKE (fotografia). Altri mentori verranno annunciati nel corso dell’anno, disciplina per disciplina. I mentori avranno a propria disposizione casaBASE, la residenza d’artista dove talenti selezionati possono risiedere e lavorare.

Condividi questo articolo