"/>
mercoledì 18 luglio 2018 11:00:45
omnimilano

Consiglio regionale, via libera a mozione su censimento e chiusura campi rom

3 luglio 2018 Politica

Via libera dal Consiglio regionale alla mozione per il censimento e la chiusura dei campi rom irregolari, che ha visto come prima firmataria Silvia Sardone, consigliere di Forza Italia. Il documento è passato con 39 voti favorevoli, arrivati dalla maggioranza di centrodestra, 31 voti contrari, 1 astenuto e 2 non partecipanti al voto. Con il documento si invita la giunta del governatore Attilio Fontana “ad attuare un censimento su base regionale che consenta di definire il numero” di presenze “negli insediamenti regolari; a definire il numero degli insediamenti al fine di attuare un maggior controllo della loro presenza sul territorio regionale; a monitorare la frequenza scolastica obbligatoria dei minori presenti” oltre che “ad attuare politiche atte a oriente la chiusura, da parte dei Comuni e dei prefetti, degli insediamenti irregolari; ad avviare un’indagine per comprendere le risorse economiche utilizzare per la gestione dei campi regolari (utenze, progetti di mediazione culturale e inclusione”. La mozione parte dal presupposto, sostenuto in Aula dalla consigliera Sardone, della mancanza di dati certi sulle presenze nei campi. Una questione sulla quale è intervenuta durante il dibattito la consigliera Pd Carmela Rozza, ricordando che “dal 2012 a oggi, sono stati chiusi 10 campi, a Milano” e che “il Comune di Milano ha sempre controllato la presenza nei campi rom: 166 famiglie per un totale di 642 persone e i campi autorizzati sono a maggioranza italiana. “Nei campi consolidati non autorizzati -ha proseguito citando ulteriori dati ci sono 61 famiglie per un totale di 212 persone in prevalenza italiane o europei provenienti dall’Est”. “Noi saremmo d’accordo per il superamento dei campi, purché con gli strumenti e le risorse adeguate”, ha sottolineato Rozza in Aula, proponendo un emendamento proprio per lo stanziamento di risorse che però non è stato accolto.

Condividi questo articolo