"/>
mercoledì 18 luglio 2018 11:02:38
omnimilano

Consiglio regionale, la commemorazione di Ettore Albertoni

10 luglio 2018 Politica

Questa mattina il Consiglio regionale ha ricordato, alla presenza della sorella Valeria, il professor Ettore Albertoni, uno dei “padri nobili” della Lombardia, scomparso mercoledì scorso all’età di 82 anni. Lo rende noto un comunicato stampa. Albertoni era giurista e docente di Dottrine Politiche (all’Università degli Studi di Milano e all’Università degli Studi dell’Insubria), membro del Consiglio Superiore della Magistratura (dal 2011), storico, intellettuale insigne. Fu eletto per la prima volta in Consiglio nel 2000 e riconfermato nel 2005. Sotto la sua presidenza, dal 2006 al 2008, il Consiglio ha elaborato e approvato il nuovo Statuto di Autonomia. Fra gli incarichi da lui ricoperti, anche quello di componente del Consiglio di Amministrazione della RAI e di Assessore alle Culture, Identità e Autonomie. “Studioso di Gaetano Mosca e della storia delle dottrine politiche in Italia e delle dottrine del federalismo, di Gian Domenico Romagnosi e del suo allievo prediletto, Carlo Cattaneo, Ettore era un professore vecchio stampo – ha detto il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi – un uomo dalla vasta cultura e dalla profonda erudizione, spesso formale ma al tempo stesso particolarmente affabile, con un amore sconfinato per la cultura intesa da lui non solo come conoscenza e sapere, ma anche come imprescindibile fattore di sviluppo. Una vocazione intellettuale senza soluzione di continuità con l’autentica passione politica che lo animava. Infatti, una profonda conoscenza dei temi del federalismo e dell’autonomia ha sempre alimentato la sua azione politica, intesa come ricerca del bene comune, da costruire partendo dai territori, dall’ascolto delle comunità.” “A tutto questo Albertoni affiancava un carattere schietto e forte – ha aggiunto Fermi – e una semplicità di modi apprezzabile, esprimendo appieno il tratto popolare del nostro essere lombardi”. I Consiglieri, presenti senza eccezioni, il Presidente Fontana e la Giunta, in piedi durante tutta la commemorazione, hanno infine osservato un minuto di silenzio. Ettore Albertoni lascia la moglie Adele.

Condividi questo articolo