"/>
venerdì 24 novembre 2017 06:50:48
omnimilano

COMUNE, TABLET SPENTI E BILANCIO SU CARTA: LEGA DENUNCIA “FLOP” AULA 2.0

3 maggio 2016 Politica

Un tablet sul banco di ogni consigliere, per discutere le delibere senza consumare carta. Dopo un anno e mezzo, i tablet sono spenti e il bilancio del Comune si discute su faldoni di carta. L'aula “2.0” di palazzo Marino, varata nel settembre 2014 con l'installazione di nuovi dispositivi elettronici sui banchi di tutti i consiglieri “non funziona”: a farlo presente oggi, in occasione di una delle ultime sedute degli eletti, il capogruppo della Lega Alessandro Morelli. Streaming anche per le sedute di commissione, interventi dei consiglieri sottotitolati, a ogni postazione tablet per la lettura e l'esame di tutti i documenti d'aula, per dire addio allo spreco di carta: “Siamo al bilancio 2016 e di tutto questo cosa funziona? Gli schermi sono inutilizzati – ha detto Morelli – e siamo qui con pile di carta sui banchi”. Per l'aggiornamento degli strumenti del consiglio comunale, la spesa di palazzo Marino e' stata di circa 780mila euro, 415mila per i nuovi impianti e 365mila per la manutenzione. “Altro sperpero di denaro pubblico. Sappiano i milanesi che la vera digitalizzazione la fara' la prossima amministrazione di centrodestra”, ha detto il capogruppo leghista. I nuovi impianti, che avevano accolto i consiglieri al rientro della pausa estiva del 2014, hanno sostituito gli schermi e le pulsantiere per il voto installati 15 anni prima e prevedono, tra le loro funzioni, la possibilita' di depositare emendamenti con firma digitale e di attivare il riconoscimento vocale, per la trascrizione automatica degli interventi dei consiglieri e per i sottotitoli per non udenti sulla diretta video sul sito del Comune. “Altro che diretta streaming, e' ridicolo, se si pensa a quello che e' stato speso”, e' stato il commento di Mattia Calise di M5s.

Condividi questo articolo