"/>
martedì 23 gennaio 2018 03:32:02
omnimilano

COMUNE, NASCE ‘LA MAPPA’ DEI GAZEBO: 40 LUOGHI RISERVATI AD ATTIVITÀ ONLUS

6 gennaio 2018 Politica

Semplificare le richieste di spazio per eventi benefici da parte delle associazioni senza scopo di lucro e nello stesso tempo ridurre le incombenze degli uffici della Polizia Locale e dello Sportello Unico Eventi. Questo, spiega Palazzo Marino, l’obiettivo del provvedimento adottato dal Comune di Milano in via sperimentale per un anno che individua 40 luoghi su suolo pubblico su cui poter posizionare i gazebo delle Onlus. Attualmente le disposizioni per il rilascio di concessione temporanea per occupazioni di suolo pubblico per eventi prevedono la presentazione della richiesta almeno 30 giorni prima della data di svolgimento e l’acquisizione dei pareri di competenza dei vari uffici, indistintamente per tutte le tipologie di eventi. Inoltre, riferisce ancora il Comune, la “circolare Gabrielli”, oltre alle contingenti situazioni internazionali, ha richiesto di potenziare i servizi d’ordine per garantire la sicurezza in collaborazione con gli organizzatori degli eventi. Questa forma di prevenzione ha comportato un notevole incremento dell’impegno degli operatori della Polizia Locale per la pianificazione e il controllo delle “vulnerabilità” e per la predisposizione di misure aggiuntive di sicurezza. Questa complessa procedura vale sia nel caso di grandi eventi sia nel caso di eventi con minore impatto. Per snellire l’iter, riducendo i tempi di rilascio delle concessioni e per consentire agli operatori della Polizia Locale di poter concentrare l’impegno sugli eventi di medio o grande che presentano maggiori criticità, si è deciso di individuare un “catalogo” di 40 località, successivamente implementabile, nelle quali sono state selezionate le aree disponibili per il rilascio di concessioni temporanee di occupazione di suolo pubblico per il posizionamento di gazebo per attività benefiche, di sensibilizzazione o raccolta fondi da parte di associazioni senza scopo di lucro o Onlus. Per questa specifica tipologia di occupazione “a fini solidaristici” si è proposto il rilascio dei pareri viabilistici in forma “pre-assentita” da parte della Polizia Locale, evitando in questo modo sistematici e ripetitivi sopralluoghi. Le Onlus, secondo il Regolamento del Comune per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, sono esentate dal pagamento della Cosap “per le sole attività istituzionali, direttamente connesse, funzionali o accessorie per natura, purché si realizzino senza attività di vendita, somministrazione o promozione di prodotti commerciali e per una durata non superiore a 15 giorni”. Per ciascuna delle 40 località l’Area Sportello Unico Eventi e i competenti uffici della Polizia Locale provvederanno ad elaborare una scheda informativa sintetica contenente la planimetria del luogo, le specifiche tecniche per il posizionamento dei manufatti e le prescrizioni della Polizia Locale. Tali schede, che saranno rese disponibili in formato digitale sul sito del Comune, sostituiranno i sopralluoghi e il rilascio del parere viabilistico, semplificando l’iter e la tempistica di rilascio del provvedimento di concessione di occupazione suolo pubblico. Si passerà dai 30 giorni di media necessari, a 10 giorni. “In questi mesi – spiega l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza – ci siamo accorti che le incombenze per gli uffici erano molte, ma soprattutto che le procedure anche per le associazioni senza scopo di lucro erano lunghe e complesse. Con questa proposta vogliamo favorire la semplificazione amministrativa, promuovere l’uso degli spazi pubblici da parte delle Associazioni senza scopo di lucro, anche nelle periferie e concentrare l’attenzione degli operatori della Polizia Locale sui grandi eventi più problematici dal punto di vista della sicurezza”.

Condividi questo articolo