"/>
lunedì 23 ottobre 2017 09:50:55
omnimilano

COMUNE, INDIVIDUATI DUE NUOVI GARANTI DEGLI ANIMALI

27 marzo 2017 Cronaca
Paola Fossati e Gustavo Gandini. Sono questi i nomi dei due nuovi Garanti per la tutela degli animali individuati dal Comune di Milano.
Entrambi docenti dell’Università degli Studi di Milano, l’una presso il Dipartimento di Scienze veterinarie per la salute, la produzione animale e la sicurezza alimentare, l’altro presso il Dipartimento di Medicina veterinaria, titolari di diversi corsi in materia, vantano una profonda conoscenza del mondo animale, una formazione specifica articolata, conseguita in Italia e all’estero, e una continua attività di ricerca e produzione scientifica.
I due Garanti hanno accettato l’incarico pro bono e si dedicheranno insieme ai compiti che prevede questo ruolo, condividendo le proprie competenze e mettendole al servizio della città di Milano per puro spirito di dedizione.
In particolare, i due Garanti affiancheranno l’Amministrazione supportandola nell’attuazione dei regolamenti e delle deliberazioni in materia, nello sviluppo di azioni e politiche finalizzate alla tutela degli animali, alla prevenzione di abusi e alla sensibilizzazione dei cittadini per un corretto rapporto uomo-animale. Paola Fossati e Gustavo Gandini coopereranno con il dipartimento veterinario della ASL e con il Canile Sanitario; interagiranno con le associazioni attive sul territorio nel campo della protezione animale; collaboreranno con la Polizia locale e altri enti competenti nei casi di violazioni delle leggi o dei regolamenti inerenti la tutela degli animali.
“Abbiamo dedicato molta attenzione alla scelta dei nuovi Garanti – ha detto l’assessore Roberta Guaineri – perché prendiamo molto seriamente il tema dei diritti degli animali. Dopo attente valutazioni, possiamo essere certi di aver individuato due nomi di alto profilo, che saranno dei preziosi alleati nelle nostre politiche in materia. A loro va la mia gratitudine per essersi generosamente messi a disposizione della città e un augurio di buon lavoro”.

Condividi questo articolo