"/>
sabato 18 novembre 2017 13:06:41
omnimilano

Comunali, sinistra e lista Costituente verso “proposta unitaria” alternativa a schieramenti

11 febbraio 2016 comunali, Politica

“Un percorso aperto e inclusivo, per costruire una proposta unitaria di governo di Milano”. E’ quello che intende costruire il progetto nato da associazioni e movimenti della sinistra, “Voci in Comune” con la Costituente per la Partecipazione, la lista presentata alle elezioni per il consiglio della Città metropolitana che raggruppa esponenti radicali e di area socialista (tra gli altri Roberto Biscardini, Marco Cappato, Fiorello Cortiana, Edoardo Croci) e Proposta Civica per Milano, progetto nato da comitati di cittadini ed esponenti di “diversa appartenenza politica e sociale”. In vista delle prossime amministrative i tre soggetti, organizzano lunedì sera a palazzo Marino, in sala Alessi, un primo incontro pubblico – intitolato “Verso una lista civica e municipale, una proposta per Milano” – a partire dalla considerazione, spiegano i promotori, che “la stagione arancione di Milano si è conclusa, ma restano tutte in campo le straordinarie energie che l’hanno originata: singole e singoli, associazioni, movimenti civici e soggetti politici determinati a difendere l’autonomia e la differenza del municipalismo milanese dalle logiche affaristiche e neocentriste”.
All’iniziativa e al documento predisposto partecipa anche il coordinamento di Possibile, il movimento di Pippo Civati. L’intenzione è realizzare un progetto comune “finalizzato a costruire insieme una lista civica e municipale unitaria e alternativa agli attuali schieramenti di centrosinistra e di centrodestra”. Tra i temi centrali nella proposta, “rispetto dei beni comuni, priorità dell’emergenza ambientale, nuova strategia urbana, lavoro anche nel campo ambientale e digitale, quartieri come nuovi centri propulsivi di innovazione alla grande scala metropolitana. Abitare equo, riqualificazione del patrimonio abitativo, politica delle relazioni e della cura, vicinato come presidio alla sicurezza, lotta alla solitudine urbana, accoglienza, per una città giusta e meno ingiusta. Politiche culturali innovative. E ancora – spiegano gli organizzatori dell’incontro di lunedì alle 20.30 -: dalla retorica della partecipazione a un autentico protagonismo civico, per garantire ai cittadini di partecipare direttamente al governo della città. E di conseguenza riforma della macchina comunale e degli attuali meccanismi decisionali, diritto all’informazione, potenziamento delle deleghe delle municipalità, bilancio partecipato e trasparenza amministrativa”.Temi che, concludono, “vogliamo delineare insieme, in un percorso aperto e inclusivo, per costruire una proposta unitaria di governo di Milano”.

Condividi questo articolo