"/>
mercoledì 23 agosto 2017 02:39:42
omnimilano

Sam Aly rinuncia a candidarsi dopo le polemiche
Sala: “Rigorosi su composizione liste”

4 maggio 2016 comunali, Politica

Lattest collection ofblack diamond rings , black diamond engagement rings, black engagement rings. all free shipping.

“Ha deciso lui, ovviamente anche ascoltando il nostro parere”. Lo ha detto Giuseppe Sala, candidato sindaco del centrosinistra, commentando il passo indietro di Sam Aly, che doveva essere candidato nel municipio 4, dopo le polemiche sollevate dal centrodestra per una foto che lo ritraeva insieme con l’imam ritenuto radicale Tareq Suwaidan. A margine di una visita al quartiere Niguarda, Sala ha spiegato che:”è un gesto di buona volontà, ma rimaniamo del principio che cercheremo di essere molto rigorosi nella costituzione delle liste. Il codice etico che facciamo firmare a tutti i candidati è qualcosa che dà alcune certezze, e che evita una serie di problemi. La costituzione delle liste è elemento fondamentale. È un lavoro delicato, però bisogna farlo” perché “la gente chiede una grandissima attenzione rispetto al profilo di chi vuole candidarsi per il futuro della città”.
Aly ha comunicato la rinuncia alla sua candidatura con un post pubblicato ieri sera su Facebook: “Ho 37 anni e sono nato e cresciuto a Milano, faccio l’impiegato amministrativo, educatore, e volontario in più associazioni, chi mi conosce sa del mio impegno quotidiano nella formazione dei giovani ad un pensiero moderato e il rispetto della diversità e l’amore per l’ambiente in cui si vive, oltre le numerose volte in cui sono stato relatore in conferenze interreligiose assieme ad esponenti di altre fedi. Questo Impegno mi ha portato alle porte del Partito Democratico. Gli anni del mio impegno nel partito – scrive Aly – mi hanno portato a volermi candidare nel municipio della mia zona, in cui ho sempre vissuto.
Ero pronto a dedicare il mio impegno a rendere Milano migliore da quello spazio istituzionale che rappresenta la democrazia e i principi del nostro paese.
Ma le calunnie nei miei confronti mettono in pericolo la mia persona e i miei familiari e la gente che mi sta vicino. Decido dunque di non confermare la mia candidatura e consultare il mio avvocato per valutare azioni legali. Continuerò il mio impegno politico e continuerò a dare alla mia città ciò che merita: amore, lealtà, per farla crescere e farla diventare davvero inclusiva”.

Condividi questo articolo