"/>
venerdì 24 novembre 2017 13:58:57
omnimilano

COMUNALI, DA CASE POPOLARI A SCUOLE: BALZANI INCONTRA CITTADINI DI ZONA 9

17 gennaio 2016 Politica

Primarie, case popolari, scali ferroviari, edilizia scolastica. Sono state tante le domande degli abitanti di zona 9 rivolte a Francesca Balzani nel corso di un incontro organizzato al Frida, noto locale del quartiere Isola.
Tra gli argomenti più sentiti da cittadine e cittadini della zona 9, Balzani ha ricordato che è stato creato un «tavolo per una mappatura dell'abusivismo», per distinguere le situazioni che innescano questa criticità e costruire percorsi di risposta adeguati. Un esempio ricordato da Balzani è quello dell'assegnazione delle case che necessitano manutenzione e il conseguente scomputo dell'affitto per gli assegnatari, o ancora, l'affidamento al terzo settore con l'onere di fare manutenzione.
Altro argomento della serata è stato quello delle scuole e degli spazi pubblici. Un richiamo a una città che può aprire «spazi perché i ragazzi possano essere coinvolti in un'offerta qualificata al di là della programmazione scolastica. In questo le municipalità possono essere strumenti fondamentali per far incontrare associazioni del territorio con i bisogni dei più giovani».
Sui percorsi culturali della città e la contestuale difficoltà di comunicarli, Balzani ricorda come la cultura sia «un pezzo importantissimo del nostro Pil» e potrebbe essere promossa attraverso la realizzazione di un sito web dedicato a «turisti e professionisti».
Donne e bambini sono il motore dell'integrazione, e rappresentano una risposta a un fenomeno molto sentito anche a Milano, quello dei campi nomadi, dove «occorre creare percorsi in vista di una soluzione stabile». Il sindaco delle notte e la movida milanese. Anche in questo caso, Balzani ha ricordato come la movida sia «un elemento di vitalità nei quartieri, che deve fondarsi su regole condivise da tutti i partecipanti». Altro tema quello della lotta all'evasione e la riscossione dei crediti. L'azione operata dal Comune, che si è “sganciato” da Equitalia, ha consentito la costruzione di un rapporto con le persone che possono così ricevere spiegazioni comprensibili sulla storia del debito che hanno accumulato.

Condividi questo articolo