"/>
venerdì 18 agosto 2017 18:32:41
omnimilano

Comunali, chiude la campagna elettorale: feste e appelli al voto per i candidati

3 giugno 2016 comunali, Politica

Quasi in contemporanea le feste del centrosinistra, allo spazio Fuorimano in Bicocca, centrodestra, allo spazio Replay in piazza Gae Aulenti e M5S all’Arco della pace.
Alla chiusura di campagna di Stefano Parisi  assente Berlusconi che ha preferito restare a Roma a sostenere il candidato Marchini. Il ministro Martina è stato invece presente per Giuseppe Sala e parlamentari e portavoce nazionali hanno chiuso la campagna di Gianluca Corrado.

SALA E IL CENTROSINISTRA – “Un obiettivo l’abbiamo già raggiunto e cioè che siamo una grande squadra. E’ un po’ quello che sentivo anche prima di aprire Expo. Ero tranquillo perché sentivo con me una grande squadra. Qui abbiamo accelerato un po’ i tempi, ma la squadra c’è e questo mi da molta fiducia. Adesso ci teniamo un po’ questa curiosità di vedere come va lunedì mattina presto”. Lo ha detto il candidato sindaco del centrosinistra Giuseppe Sala, arrivando al Fuorimano, locale della festa di fine campagna elettorale. “Speriamo di essere avanti, – ha detto – dire di quanto è difficile. È scattato qualcosa secondo me, ma anche secondo i miei, negli ultimi 15 giorni. È come se avessimo sentito che tante cose arrivassero a sintesi e gli umori della città miglioravano molto. Questo lo sentiamo e ci dà fiducia, poi staremo a vedere”. Sala ha quindi spiegato che “prima di cominciare il tutto, nel mio percorso mentale pensavo alle primarie con qualche timore. Vedevo Majorino come un osso duro, ma è stato un bene perché avevo bisogno di entrare nell’ambito politico molto velocemente. Se confronto – ha concluso – la mia attività politica, che non è ancora quella che voglio, tra 6 mesi fa e adesso, è molto cambiata, mi sento più consapevole e tranquillo. Devo ringraziare le primarie e se sono qua è perché 60.000 milanesi sono andati a votare”.

PARISI E IL CENTRODESTRA – “Uniti si vince e da lunedi’ ci attende una grande corsa al ballottaggio perche’ possiamo vincere e cambiare Milano”. Lo ha detto il candidato sindaco del centrodestra Stefano Parisi, alla festa di chiusura della sua campagna elettorale al “Replay” di piazza Gae Aulenti, insieme con il segretario della Lega Matteo Salvini, la capolista azzurra Mariastella Gelmini, il capolista di Milano Popolare Maurizio Lupi, il leader di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa, il capolista della lista Parisi Gabriele Albertini, Corrado Passera e per la lista Pensionati Carlo Fatuzzo. “Il lavoro che abbiamo fatto portera’ grandi risultati”, ha detto Parisi: “per cambiare Milano serve il contributo di tutti, ogni anima e’ importante e porta il suo contributo. Il grande lavoro che abbiamo fatto sara’ premiato, dobbiamo solo fare in modo che tutti vadano a votare, anche chi finora ha creduto poco nella politica”. Matteo Salvini ha sottolineato così l’assenza di Silvio Berlusconi: “Noi siamo qui perche’ qui c’e’ la coalizione unita e vincente. Berlusconi ha scelto di andare a perdere a Roma, amen. Io ho scelto di venire a Milano”.  Nota polemica anche da Ignazio La Russa.  “Non parliamo di Marchini qui”, ha sbottato il leader di Fratelli d’Italia, quando Silvio Berlusconi, in collegamento telefonico con la festa di chiusura della campagna elettorale di Stefano Parisi, ha fatto riferimento alla sua presenza a Ostia in sostegno di Alfio Marchini. Al vederlo sbattere stizzito una cartellina su un banco, il capolista di Milano Popolare Maurizio Lupi e l’ex sindaco Gabriele Albertini hanno scherzosamente cercato di calmarlo, ma La Russa poi parlando con i giornalisti ha rincarato: “Neanche in un film mi potevo aspettare una cosa del genere. Non c’e’ dove serve, a Milano, ma c’e’ dove nella migliore delle ipotesi Marchini va al ballottaggio ma nella peggiore favorisce Giachetti”.

CORRADO E IL MOVIMENTO 5 STELLE – “Siamo qui per governare i territori e fare sul serio”. Lo ha detto Gianluca Corrado, il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle a Milano, nel suo intervento oggi sul palco accanto all’Arco della Pace, durante l’evento di chiusura della campagna elettorale. “Siamo arrivati alla fine della prima fase della campagna elettorale”, ha detto Corrado, ringraziando tutti i candidati del movimento che vogliono “modificare radicalmente il modo di amministrare la città”. Dopo Corrado sono intervenuti tutti i candidati alla presidenza dei municipi e i portavoce del movimento. Attorno al palco sono stati montati diversi banchetti dedicati ai punti del programma. Poco dopo l’inizio della manifestazione è scoppiato un temporale ma i militanti e simpatizzanti del Movimento 5 Stelle continuano a seguire l’evento sotto i banchetti o al riparo sotto l’Arco della Pace.”In questi anni con i cittadini milanesi abbiamo fatto un lavoro straordinario – ha detto Corrado -, abbiamo costruito insieme una visione concreta della nostra Milano orientata al futuro e nella quale la prima priorità sarà la qualità della vita delle persone. Domenica saremo tutti chiamati al voto e io mi auguro che i cittadini scelgano di non dare più fiducia a quei partiti che da decenni si preoccupano solo dei loro interessi, ma diano invece una possibilità al MoVimento 5 Stelle, ovvero a chi desidera governare Milano nell’interesse di tutti i milanesi”.
Presenti anche alcuni parlamentari europei, tra cui Marco Valli: “Nelle città dove governiamo, i bilanci sono migliorati molto rispetto ai disastri lasciati dai partiti. Con Gianluca Corrado a Milano e gli altri sindaci cinque stelle elimineremo finalmente gli sprechi dell’amministrazione e miglioreremo i servizi. Metteteci alla prova!”

Condividi questo articolo