"/>
sabato 19 agosto 2017 05:31:39
omnimilano

Commissione Antimafia, Parisi: “Lotta non si fa con la retorica”. Scoppia polemica con centrosinistra

17 maggio 2016 comunali, Politica

La commissione antimafia del Comune al centro della polemica elettorale. Ieri sera sono emersi pareri contrastanti tra Giuseppe Sala e Stefano Parisi, durante un confronto tra i due all’auditorium Don Bosco, sull’importanza della commissione comunale antimafia istituita dalla giunta Pisapia: mentre il candidato del centrosinistra manterrebbe in vita la commissione “che ha lavorato bene”, per il candidato del centrodestra “di cose di facciata ne abbiamo avute tantissime e hanno risolto poco, l’unico modo è far sentire i cittadini sicuri. Se pensiamo di affrontare i problemi con la retorica non andiamo da nessuna parte. Bisogna che quando c’è una denuncia, anche piccola, sia immediato l’intervento delle forze dell’ordine. I cittadini devono sentire la presenza dello stato”. Alle parole di Parisi ha replicato stamani il capolista del Pd Piefrancesco Majorino: “Parisi dice che loro sono “la politica trasparente”. Quale quella degli arrestati per tangenti? O quella dei condannati nelle liste? O quelli che sostenevano che a Milano la mafia non esiste? La trasparenza si fa con la scelta che abbiamo realizzato in questi anni: regolamento anticorruzione, zero indagati in Giunta, impegno antimafia delle e nelle istituzioni. Continuiamo così”.  “Majorino – risponde Parisi – dice sempre delle sciocchezze. Io ho detto soltanto che la lotta alla mafia non si fa con la retorica ma con l’azione dura delle forze dell’ordine e della magistratura. L’atteggiamento di Majorino e’ retorica pura, e in Italia c’e’ la retorica sulla mafia da 40 anni. Bisogna passare dalla retorica della Commissione Antimafia alla vera lotta alla mafia, che non la fa certo Majorino con una commissione Antimafia che fa ridere”. Monta così la polemica con il centrosinistra che attacca e sul tema interviene anche il sindaco Giuliano Pisapia: “Il candidato del centrodestra Stefano Parisi sembra rimpiangere i tempi nei quali la politica si disinteressava delle mafie, di questo terribile fenomeno che va contrastato in ogni modo non solo dalla magistratura e dalle forze dell’ordine ma anche da tutte le istituzioni”. “A Parisi ricordo che la mia Amministrazione non solo ha voluto che ritornasse dopo vent’anni la Commissione consiliare antimafia, abolita dal centrodestra, ma che io stesso –prosegue Pisapia- ho istituto un Comitato di esperti che ha contribuito a elaborare le procedure migliori per garantire trasparenza e legalità. Un lavoro che si è tradotto in protocolli, ad esempio quello relativo al coordinamento delle diverse Polizie Locali nelle inchieste, e accordi che sono stati copiati da molte altre città. Le relazioni di questi organismi hanno dato origine a controlli mirati sul territorio e a inchieste che hanno dato frutti concreti”. Nel dibattito anche la posizione del candidato sindaco Nicolò Mardegan: “Se il candidato che si dichiara di centrodestra ha fra le sue priorità del programma elettorale l’eliminazione della Commissione Antimafia in Comune, ho paura di scoprire cosa affermerà alla vigilia del voto in tema di legalità”.

Condividi questo articolo