"/>
giovedì 29 giugno 2017 17:58:07
omnimilano

Cocco pubblica redditi ma con errore
Polemiche su titoli Microsoft

17 febbraio 2017 Politica

Sono stati pubblicati sul sito del Comune (al link http://www.comune.milano.it/AmministrazioneAperta/OpenGovWeb/Milano/EntryPointOIPn.aspx?id=0001) la dichiarazione dei redditi relativi all’anno 2015 e la situazione patrimoniale dell’assessore comunale Roberta Cocco, come annunciato dal sindaco Giuseppe Sala. L’assessore ha dichiarato un reddito complessivo di 225.618 euro, oltre, nella situazione patrimoniale, al possesso di tre immobili, due a Milano e uno a Sestri Levante, tipologia “fabbricato”, e il possesso di quote azionarie di alcune società: Enel, Telecom, Microsoft, Expedia, Tripadvisor. “Mettiamo fine alla vicenda”, aveva annunciato ieri sera il sindaco Giuseppe Sala, ma proprio sulle partecipazioni azionarie rese note da Cocco si è aperta una nuova  polemica. Nel pubblicare la cifra relativa alle azioni di Microsoft, infatti,  è stato fatto un errore, che è stato poi corretto. La percentuale delle azioni Microsoft indicata era inizialmente 0,0000076% (equivalente a circa 36.000 euro) mentre quella corretta è di 0,00076%, pari a quasi 3,6 milioni di euro. A parlare dell’errore è stato proprio il sindaco, in occasione di un evento nel pomeriggio: “I redditi sono stati pubblicati anche se l’assessore ha fatto un errore con i decimali e adesso sta correggendo”, ha spiegato Sala: “E’ stato un mero errore. Mi dispiace, è chiaro che si poteva fare tutto subito dall’inizio, peró era una valutazione personale e l’assessore riteneva che far vedere una cifra del genere potesse crearle problemi, non si sentiva tranquilla. Rimane il fatto che di fronte all’idea di perdere il suo lavoro ho agito con tempestività e adesso facciamola lavorare” ha concluso. Il valore dei titoli Microsoft di Cocco ha portato M5s a chiedere le dimissioni dell’assessore per un “conflitto di interessi inaccettabile”, mentre per Forza Italia l’assessore è “incompatibile con le deleghe che le sono state attribuite”.

Condividi questo articolo