"/>
giovedì 23 novembre 2017 06:37:12
omnimilano

CLIMA, TERZI: REGIONE INVESTE SU APPROCCIO INTEGRATO

18 febbraio 2016 Politica

“E' con grande orgoglio che, su delega del presidente Maroni, ho potuto rappresentare Regione Lombardia alla COP21 di Parigi, il principale evento mondiale dedicato ad una delle massime sfide ambientali, il cambiamento climatico e la riduzione globale delle emissioni dei gas serra”. Cosi' l'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi ha aperto il suo intervento al convegno dal titolo 'Conferenza di Parigi sul clima: decisioni e impegni conseguenti per l'Italia', oggi alla 'Casa dell'energia' di Milano. “In merito alla COP21 – ha proseguito l'assessore – l'Accordo di Parigi e' stato un evidente successo della diplomazia internazionale secondo gli osservatori del dibattito sul clima. Tutti i Paesi hanno preso impegni, molti dei quali ambiziosi, cosi' come ambizioso e' anche l'obiettivo di mantenere l'incremento della temperatura media mondiale 'ben al di sotto dei 2 gradi' rispetto ai livelli pre-industriali”. “Il patto siglato – ha rilevato Terzi – e' un utile passo in avanti, un accordo sul percorso futuro della governance mondiale e multilaterale del clima: sulle tempistiche e sugli impegni volontari, ma anche sulle regole di verifica e controllo e sulla trasparenza delle comunicazioni dei Paesi. Molte parti dell'Accordo sono legalmente vincolanti (ad esempio quelle procedurali), altre si traducono in azioni suggerite, ma complessivamente e' molto di piu' di un accordo solo politico, che peraltro ha comunque le sue conseguenze”. “In ogni caso – ha aggiunto la titolare lombarda all'Ambiente – tanto altro e' ancora da fare, a tutti i livelli, per conseguire gli obiettivi cosi' ambiziosi a cui prima accennavo. Come ha commentato il Commissario europeo per il l'Energia e il Clima, 'oggi possiamo festeggiare, da domani dobbiamo agire'”. “Un altro elemento di novita' emerso dalla COP21 – ha sottolineato Terzi – e' stata il riconoscimento del ruolo cruciale delle regioni e delle citta' per le politiche per lo sviluppo di societa' 'post carbon'. La Lombardia, con l'adesione al 'Compact of States and Regions', al 'Under2Mou' e al 'Regions Adapt', intende fare la sua parte. Inoltre, in collaborazione con la Fondazione Lombardia per l'Ambiente e gli Enti del sistema regionale, ha svolto studi e progetti, sviluppando le basi conoscitive per individuare le misure d'intervento nell'ambito della mitigazione, per contribuire alla riduzione delle emissioni dei gas serra, e dell'adattamento al cambiamento climatico che invece mira a ridurre la vulnerabilita' della Lombardia di fronte agli impatti del clima che cambia”. “Regione Lombardia sta investendo le risorse disponibili in una visione integrata di sviluppo sostenibile – ha spiegato ancora l'assessore – fissando impegni e per il raggiungimento degli obiettivi delle politiche climatiche, come: investire in nuove politiche integrate che garantiscano il raggiungimento degli obiettivi di tutela ambientale (trasporti meno inquinanti, mobilita' condivisa, ciclistica e elettrica, green economy, energie rinnovabili ed efficienza energetica, riciclo e riuso delle materie, limitazioni al consumo di suolo, innovazione nel settore agricolo e forestale); condividere gli obiettivi con enti e amministrazioni locali; supportare l'implementazione di processi di innovazione nel sistema produttivo; collaborare con il mondo dell'Universita' per programmi di ricerca”. “Nel corso del 2016 – ha precisato l'esponente della giunta Maroni – sara' elaborato un Piano Clima, un documento di indirizzo che individua gli ambiti prioritari d'intervento per la mitigazione e l'adattamento al cambiamento climatico. Questo percorso di programmazione e implementazione di politiche concorrenti al raggiungimento degli obiettivi trasversali prefigurati nel Piano Clima -ha concluso Terzi – verra' intrapreso da Regione Lombardia, in collaborazione e raccordo con le amministrazioni locali, le imprese, il mondo della ricerca e dell'Universita', le associazioni e i cittadini”.

Condividi questo articolo