"/>
martedì 12 dicembre 2017 19:12:52
omnimilano

Pd in piazza contro Trump: Sala con Renzi a fiaccolata per il clima

5 giugno 2017 Ambiente, Cronaca, Politica

Ci sarà anche il sindaco Giuseppe Sala domani sera in piazza Scala a manifestare contro la decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di uscire dagli accordi di Parigi sui cambiamenti climatici. Il sindaco sarà con il segretario del Pd Matteo Renzi alla fiaccolata “In difesa del futuro. Tutti insieme per sostenere l’accordo sul clima”, promossa dal Pd in cento piazze italiane. “Ho saputo ieri della fiaccolata. Ci sarò – ha detto Sala – perché ci tengo, soprattutto a confermare una visione sull’ambiente che è anche quella di Milano. Spero che anche il Pd voglia essere preciso anche su questo: proporre azioni e ribadire la nostra visione”.  Per Sala “quello che Trump sta facendo e proponendo dà un senso di irresponsabilità e mi permetto di parlare solo del tema ambientale, però c’è dell’irresponsabilità. Spero tutti siano precisi su questo”. L’appuntamento, conferma il Pd milanese, è per domani alle 21.30: “Domani Milano si mobilita in difesa dell’accordo sul clima di Parigi messo in discussione dal presidente americano Donald Trump”. Al presidio, si annuncia “parteciperanno, assieme a tanti cittadini che credono in un futuro sostenibile del pianeta, il segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi, il sindaco Beppe Sala, la vice Anna Scavuzzo, il capogruppo Pd in Consiglio comunale Filippo Barberis, i segretari Pietro Bussolati e Alessandro Alfieri, e tanti sindaci”. L’iniziativa, questa volta promossa da un partito, ripropone i temi che nove anni fa, il 7 giugno 2008 portarono circa 15mila persone a sfilare per il centro di Milano nella “Marcia per il clima” promossa da Legambiente con una coalizione di organizzazioni civili, sindacali e ambientaliste. Intanto, in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente indetta dalle Nazioni Unite, questa sera palazzo Marino si illuminerà di verde:  una occasione, per l’amministrazione “per ribadire la necessità di rispettare gli accordi vincolanti presi da 195 paesi alla conferenza sul clima di Parigi nel dicembre 2015”.

Condividi questo articolo