"/>
lunedì 21 agosto 2017 01:05:32
omnimilano

Clima, Milano sempre più secca e calda
Boom notti tropicali e piogge a -27,5%

21 marzo 2016 Cronaca

Boom delle notti tropicali, mentre le piogge sono crollate del 27,5%. E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia su dati Istat diffusa in occasione del primo giorno di Primavera e alla vigilia della Giornata mondiale dell’acqua. Dal 2001 al 2014 rispetto alla media del trentennio precedente – spiega la Coldiretti regionale – le notti con temperature minime sopra i 20 gradi sono più che raddoppiate, passando da 13 a 29. Stesso trend per quelle calde aumentate da 32 a 70. Boom anche dei giorni con più di 25 gradi: da 95 a 113 con un balzo di quasi il 19%.  Tutto questo – afferma la Coldiretti Lombardia – mentre Milano si aggiudica anche il record nazionale di calo delle piogge con -27,5% rispetto alla media del trentennio 1970-2000 con le precipitazioni medie nei giorni molto piovosi tagliate di circa il 50% da quasi 202 a meno di 106 millimetri. Il cambiamento climatico – spiega Coldiretti Lombardia – influisce anche sulla manutenzione del verde pubblico: le aiuole hanno un maggior bisogno di acqua ed è necessario dotarle di sistemi di risparmio idrico come ad esempio l’irrigazione a goccia, la potatura degli alberi va anticipata così come il taglio dell’erba. L’aumento delle temperature – continua la Coldiretti Lombardia – provoca anche una proliferazione di insetti e parassiti: dalla cimice al tarlo asiatici, dalla Popillia japonica alle più comuni e fastidiose zanzare. L’arrivo della primavera in Lombardia chiude un inverno anomalo, con temperature più alte di circa un grado rispetto alla media del periodo e una quantità di acqua caduta che nel mese di dicembre si è ridotta del 91,5% e nel mese di gennaio del 50%, nonostante una relativa ripresa idrica registrata nell’ultimo mese. Condizioni climatiche – conclude la Coldiretti regionale – che hanno anticipato di almeno due settimane la comparsa delle primizie locali sui banchi dei mercati di Campagna Amica in Lombardia: dal cicorino alle erbette, dalla lollo alle coste.

Condividi questo articolo