"/>
venerdì 24 novembre 2017 08:37:13
omnimilano

Cleaning day, 1.400 volontari per ripulire i muri di 60 scuole

2 aprile 2016 Cronaca, Politica

Sono oltre 1400 i volontari che da questa mattina sono impegnati in 60 scuole di Milano e che a fine giornata di domani avranno pulito circa 13 mila mq di facciate. E’ l’iniziativa “Scuola facciamola pulita” promossa dal Comune che ha coinvolto cittadini e alunni impegnati “per restituire decoro agli edifici scolastici”.
“E’ in corso una grande dimostrazione di affetto per la città – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza che stamattina ha visitato decine di scuole in cui si è svolto il cleaning day – che riempie di orgoglio tutti i milanesi. E’ la dimostrazione che i cittadini chiedono più rispetto per un luogo importante come la scuola in quanto luogo in cui si forma il cittadino di domani. Ringrazio i tantissimi volontari, le imprese che hanno fornito i materiali, le società partecipate e il Nuir che hanno collaborato alla realizzazione di questo cleaning day”.
L’impegno dei volontari è iniziato circa alle 9 del mattino e si è protratto nel corso della mattinata. Cittadini, singoli, comitati e associazioni si sono mobilitati per rendere migliori le scuole della città: in alcune si continuerà a lavorare in serata e nella giornata di domani.  Un evento che ha avuto un fuoriprogramma con qualche polemica: l’assessore Rozza, infatti, durante l’iniziativa, in via Monviso, ha ‘segnato’ con la vernice bianca un’auto in sosta vietata che ostacolava il lavoro dei volontari.  “I vigili sono stati chiamati e la multa è stata fatta il segno è chiaro, l’automobilista ha usato lo scivolo per disabili per infilarsi lì”, ha spiegato l’assessore che ha motivato il gesto come un “atto di ribellione ad un gesto di arroganza”, assicurando poi che “si tratta di pittura che non produce alcun danno sulla superficie della vettura e che è stata rimossa pochi minuti dopo da un volontario”. Dal centrosinistra, però, non sono mancate critiche. Come quella del consigliere di Sel Mirko Mazzali: “Se sei una persona che amministra non puoi farti giustizia da te, infliggendo sanzioni ….proprio mai”. Sull’episodio anche le parole del candidato sindaco del centrosinistra Beppe Sala che giudica “inappropriato” il gesto anche se come “reazione a un gesto incivile”. Attacca il centrodestra. Per il candidato sindaco Stefano Parisi quanto accaduto “mostra il senso della proprietà privata che ha la sinistra”. Critiche anche dal candidato sindaco Corrado Passera: “un gesto inqualificabile”, commenta.

Condividi questo articolo