"/>
mercoledì 16 agosto 2017 19:31:33
omnimilano

CITTÀ STUDI, VIGILI SCOPRONO SCUOLA ABUSIVA PER BIMBI CINGALESI

23 gennaio 2017 Cronaca
È stata scoperta questa mattina una scuola materna e primaria abusiva in un appartamento in zona Città studi. L’intervento dell’Unità centrale Informativa della Polizia Locale di Milano, coordinata dal comandate Antonio Barbato, è nato dalla segnalazione di un cittadino. A rotazione erano circa 20 i bambini che frequentavano la scuola, la cui retta era di 250 euro mensili e comprendeva il consumo di un pasto. Al quinto piano di un palazzo, in un bilocale approssimativamente di 40 metri quadrati, sono stati trovati 10 bambini tra i 3 e gli 8 anni. A gestire la scuola abusiva, riservata a bambini cingalesi, erano marito e moglie dello Sri Lanka insieme ad una connazionale. Tutti e tre abitavano nello stesso appartamento.
La moglie, denunciata per mancanza di titolo per l’insegnamento (art. 348), è presidente di un’associazione cultuale che si occupa del disbrigo delle pratiche di permessi di soggiorno e altre consulenze per cittadini dello Sri Lanka.
Il marito, a cui è intestato il contratto di affitto dell’appartamento, è stato sanzionato per aver istituto una scuola senza avere l’autorizzazione del Provveditorato e senza avere i permessi dell’Ats e gli è stata contestata una multa di 5000 euro per cambio di destinazione d’uso. Il genitore del bambino di 8 anni è stato denunciato per omesso obbligo scolastico.
“Ogni segnalazione che arriva alla Polizia locale – ha commentato l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza – è valutata molto seriamente dagli agenti, in modo particolare quando contiene potenziali notizie di reato. La scoperta di oggi desta preoccupazione e dovremo verificare se i genitori fossero consapevoli del fatto che quel luogo fosse privo di qualsiasi autorizzazione”.
“Questa operazione della Polizia locale – ha aggiunto il comandante Antonio Barbato – dimostra la grande capacità professionale anche in relazione ad attività delicate come quelle che riguardano l’abbandono scolastico”.

Condividi questo articolo