"/>
domenica 22 ottobre 2017 10:16:20
omnimilano

Città metropolitana, Sala: “Bilancio verso approvazione, guardiamo già a 2018”

6 ottobre 2017 Politica

Il bilancio della Città metropolitana potrà essere approvato entro una quarantina di giorni. Gli uffici di Palazzo Isimbardi hanno lavorato nei giorni di scorsi per avere la certezza di poterlo chiudere e oggi questa certezza è stata confermata dal sindaco Giuseppe Sala. Il bilancio nei prossimi giorni verrà firmato dal sindaco e depositato perché i consiglieri metropolitani possano consultarlo. Una volta che l’Aula l’avrà approvato, il documento passerà nelle mani della conferenza metropolitana e poi di nuovo in quelle del Consiglio per l’approvazione definitiva. L’iter richiederà più o meno una quarantina di giorni, ha spiegato la vicesindaca metropolitana Arianna Censi. Le risorse per chiudere il bilancio “arrivano dal fatto che, dei fondi che sono stati messi a disposizione dal governo, gli altri sindaci hanno accettato che a Milano andasse il 50%”. In sostanza, dei 40 milioni messi a disposizione da Roma in due tranche, Milano ha avuto circa 23 milioni, ha spiegato il sindaco Giuseppe Sala. Per reperire il resto “abbiamo lavorato su tutte le pieghe di bilancio per poterlo mettere in sicurezza quindi a questo punto siamo tranquilli per il 2017 e stiamo già guardando al 2018”. Gli uffici, ha aggiunto il sindaco “mi hanno rassicurato che si è in condizioni di recuperare e quindi di poter fare la chiusura del bilancio, che si farà in questi giorni: è più una cosa formale che sostanziale adesso”. A questo punto, però “la richiesta numero uno al Governo è di per poter utilizzare i fondi vincolati, perché noi siamo nella situazione paradossale in cui avremmo fondi per poter gestire la Città metropolitana ma non possiamo spenderli. Ci si deve fidare del buon senso dei sindaci e del fatto che nessuno vuole utilizzare i suoi fondi per buttarli via”. A Palazzo Isimbardi inoltre si terranno gli Stati generali della città metropolitana: un tavolo a cui si siederanno tutti gli attori delle istituzioni, della società civile e delle associazioni. “Aver chiamato tutti al tavolo mi sembra una buona cosa. Niente risolve integralmente la questione ma aver tutti al tavolo è importante”, ha commentato Sala.

Condividi questo articolo