"/>
mercoledì 23 agosto 2017 04:26:38
omnimilano

Caprotti, lunedì mattina supermarket chiusi in segno di lutto

1 ottobre 2016 Senza categoria

Il sindaco Sala: “Per l’Ambrogino alla Memoria ragioneremo con il consiglio comunale”

Un manifesto diffuso on line, sul sito di Esselunga e sulle pagine social, con scritto “Commossi e costernati dobbiamo comunicare che il nostro fondatore dottor Bernardo Caprotti ci ha lasciati” e l’annuncio nei punti vendita che lunedì mattina i negozi saranno chiusi in segno di lutto. Così Esselunga ricorda il suo fondatore scomparso ieri all’età di 91 anni, che avrebbe compiuto il 7 ottobre. Caprotti, nato a Milano nel 1925, ha realizzato un impero della grande distribuzione con 150 punti vendita nel nord Italia e oltre 20mila dipendenti. Tra le iniziative benefiche per la citta’ di Milano, il contributo economico che Caprotti diede per la realizzazione del Memoriale della Shoah, a cui e’ stato intitolato anche lo spazio mostre. Nell’occasione venne ricordato come fosse stato l’unico finanziatore privato del memoriale non di origine ebraica. Un impegno che Caprotti prese colpito dalla storia e dalla conoscenza di Liliana Segre, testimone sopravvissuta alle deportazioni ad Auschwitz. Nel 2011 venne proposto per le civiche benemerenze del 7 dicembre, ma il patron di Esselunga rifiuto’ l’Ambrogino, senza polemiche, ma spiegando di non essere abituato ad accettare questo tipo di riconoscimenti”.

Condividi questo articolo