"/>
sabato 21 ottobre 2017 08:44:41
omnimilano

CANNABIS, BLITZ DI CAPPATO IN CONSIGLIO REGIONALE PER CHIEDERE DISCUSSIONE LEGGE

4 luglio 2017 Senza categoria

Incursione di Marco Cappato al Pirellone durante la seduta del Consiglio regionale per chiedere che vengano discussi i progetti di legge di iniziativa popolare sull’uso terapeutico della cannabis e sul testamento biologico. Dalle tribune riservate al pubblico l’esponente radicale e tesoriere dell’associazioni Luca Coscioni e Barbara Bonvicini dell’associazione Enzo Tortora hanno letto gli articoli della normativa regionale sui provvedimenti di iniziativa popolare che prevedono che “qualora la proposta non venga iscritta nel calendario dei lavori del Consiglio entro 90 giorni da quando è stata depositata deve considerarsi iscritta da diritto e discussa nella prima seduta con precedenza su ogni altro argomento”. La protesta è stata interrotta dall’intervento dei commessi che hanno accompagrato Cappato all’esterno, mentre il presidente dell’Aula Raffaele Cattaneo ha rinchiamato “al rispetto dell’Aula”. “I 90 giorni previsti dai termini di legge sono passati da un anno e mezzo -ha detto Cappato fermandosi poi a parlare con i giornalisti all’esterno del Pirellone – noi non pretendiamo che il Consiglio regionale sia d’accordo con queste proposte di legge, ma pretendiamo, come è giusto, che le discuta”. Secondo Cappato inoltre “evidentemente il consiglieri non vogliono assumersi la responsabità di votare contro una legge popolare”. Da parte dell’esponente radicale infine l’invito a tutti i capigruppo, e in particolare a quelli di opposizione, “a vigilare affinchè la legge venga rispettata e le proposte vengano iscritte all’ordine del giorno dei lavori”.

Condividi questo articolo