"/>
sabato 19 agosto 2017 20:44:16
omnimilano

CANNABIS, BLITZ CAPPATO IN CONSIGLIO REGIONALE PER CHIEDERE DISCUSSIONE LEGGE

18 luglio 2017 Cronaca, Politica
Seduta del Consiglio regionale più volte interrotta ad inizio lavori questo pomeriggio per le proteste dai banchi riservati al pubblico da parte di Marco Cappato e altri rappresentanti radicali e dell’associazione Luca Coscioni che sono tornati a chiedere che il Pirellone inserisca all’ordine del giorno dei lavori la discussione dei pdl di iniziativa popolare sull’uso terapeutico della cannabis e sul testamento biologico. Dai banchi riservati al pubblico Cappato ha citato la legge regionale “che prevede che le leggi di iniziativa popolare vengono automaticamente inserite come primo punto dei lavori se dopo 90 giorni da quando vengono depositate non sono ancora state calanderizzate. “Sono passati 15 mesi – ha urlato rivolto all’Aula – le leggi vanno rispettate” Dopo una prima sospensione, i lavori sono stati poi a più riprese interrotti con l’uso di fischietti e trombette da parte della platea fino a che tutti i manifestanti non sono stati allontanati dall’Aula. Sulla protesta sono intervenuti in Aula hanno il capogruppo Pd Enrico Brambilla e i consiglieri M5S Iolanda Nanni e Stefano Buffagni, appoggiando le richieste di Cappato. Anche il vice presidente dell’ Aula Fabrizio Cecchetti (Lega) che sta dirigendo i lavori in sostituzione di Raffaele Cattaneo, ha assicurato di aver già fatto propria la richiesta dei radicali. Durante la protesta all’indirizzo di Cappato, da parte di alcuni esponenti di maggioranza sono state anche urlate frasi come “vai a lavorare” e “vai al circo”.

Condividi questo articolo