"/>
giovedì 17 agosto 2017 10:05:32
omnimilano

BREXIT, PER ARTIGIANI MILANESI UK RESTERÀ IN UE, MA 52% VOTEREBBE USCITA ITALIA

22 giugno 2016 Politica

Alla vigilia del'atteso referendum sull'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, indagine dell'Unione Artigiani. Per il 53,9% dei piccoli imprenditori, gli inglesi voteranno per restare. Se però la consultazione avvenisse nel nostro Paese, il 52,3% si esprimerebbe per andarcene. Sotto accusa burocrazia e costi della politica Ue. Il Regno Unito alla fine sceglierà di restare nell'Unione Europea, ma se toccasse a noi votare ne usciremmo. Questa in estrema sintesi la posizione degli artigiani milanesi chiamati dall'Unione Artigiani ad esprimere la loro opinione in tema di Brexit, l'attesa consultazione popolare in programma in Gran Bretagna giovedì 23 giugno, con “traduzione” sulla realtà italiana.
Secondo i piccoli imprenditori, che hanno risposto a un'indagine on line anonima e su base volontaria, i britannici voteranno per restare in seno all'Unione Europea per il 53,9% contro il 46,1%. Se il Regno Unito però dovesse decidere di lasciare l'Ue, secondo il 49,2% degli artigiani questa scelta comporterebbe una flessione dell'economia continentale. Per il 20% tutto resterebbe com'è; per il 18,4% ci sarebbero positivi benefici, mentre per il restante 12,4% assisteremmo a una pesante crisi economica.
Più nel particolare, con riguardo alla propria attività, l'eventuale uscita degli inglesi dall'Ue non cambierebbe nulla per il 69,8%. Sarebbe negativa e foriera di crisi aziendale per il 20,1%. Positiva e consentirebbe all'impresa di crescere, invece, per il 10,1%. E se si votasse in Italia per un analogo referendum? Il 52,3% degli artigiani milanesi sarebbe favorevole a lasciare l'Unione Europea contro il 45,1%. Non andrebbe a votare il 2,6%.
“Questa opinione – commenta il segretario generale dell'Unione Artigiani, Marco Accornero – ci dà la dimensione di come l'Ue venga percepita dai nostri artigiani più come problema piuttosto che come opportunità. Un giudizio triste, che però richiama all'esigenza urgente di ritrovare quello spirito comunitario europeo che evidentemente, non solo tra gli artigiani milanesi, ma in gran parte d'Europa, è andato scemando in questi anni.”
Alla domanda su quale sarebbe la principale causa che li porterebbe a votare per l'uscita dall'Unione Europea del nostro Paese, gli artigiani mettono al primo posto la burocrazia e le regole imposte da Bruxelles (45,4%) che, sommate alla critica sui costi della politica europea (10,5%), fotografano con il 55,9% la pessima opinione che i nostri imprenditori hanno sull'organizzazione comunitaria. La debolezza del nostro governo ai tavoli europei (40,8%) è l'altra ragione per cui gli artigiani voterebbero per l'autonomia italiana, mentre la libera circolazione delle persone, senza frontiere nazionali, all'interno dell'Ue sembra non costituire un problema impellente (3,3%).
Se l'Italia decidesse di uscire dall'Ue, secondo il 45,5% dei partecipanti all'indagine l'economia nostrana ne beneficerebbe molto. Di contro, per il 39,4% assisteremmo a conseguenze negative pesanti, mentre per il restante 15,1% tutto rimarrebbe invariato.
Infine, con riguardo alla propria attività, per il 48,5% dei nostri artigiani l'abbandono italiano dell'Ue non cambierebbe nulla nella vita aziendale. Per il 27,3 l'ipotesi “Italexit” sarebbe negativa e metterebbe in crisi l'impresa, mentre per il 24,2% sarebbe positiva e la farebbe crescere.
“La nostra indagine – conclude Accornero – ci induce a sottolineare la necessità di rivalutare i tanti lati positivi dell'Unione Europea, in primis quello della libera circolazione delle merci e delle persone, rispetto ai temi critici, che però vanno affrontati e possibilmente ridotti se non risolti, riguardanti l'asfissiante burocrazia comunitaria che, tradotta nelle singole legislazioni nazionali, produce un effetto nocivo sulle attività economiche e sulla vita quotidiana dei cittadini. Per non parlare dei costi dell'apparato e del “potere contrattuale” più forte che alcuni Paesi come la Germania hanno rispetto ad altri, tra cui l'Italia. L'opportunità offerta dal referendum del Regno Unito, comunque andrà, è quella di mettere mano a delle riforme apprezzabili anche in Europa, senza più limitarci a dover ottemperare in maniera univoca alle richieste di riforma formulate dall'Unione Europea ai singoli Stati.”

Condividi questo articolo