"/>
giovedì 24 agosto 2017 07:10:02
omnimilano

ASSOLOMBARDA, TOOLKIT PER IMPRESE PER CONTRASTO INFILTRAZIONI

19 ottobre 2016 Imprese

È online da oggi il sito www.assolombarda.it/la-cultura-della-legalita, uno strumento messo a disposizione gratuitamente da Assolombarda per tutti gli imprenditori associati o meno per riconoscere e neutralizzare i tentativi di infiltrazione mafiosa nelle proprie aziende. Frutto di due anni di lavoro, con l’analisi di 14 inchieste, oltre 500 colloqui da cui è emerso che il 53% dei dirigenti d’impresa non era consapevole della presenza della criminalità organizzata in Lombardia, il kit costato 200mila euro da oggi è online, messo gratuitamente a disposizione di tutti, iscritti e non. Il sito www.assolombarda.it/la-cultura-della-legalita è stato presentato questa mattina dal vice presidente per la legalità e la responsabilità sociale d’impresa di Assolombarda Antonio Calabrò e dal direttore generale Michele Angelo Verna, per i quali “da oggi nessun imprenditore potrà più dire ‘Non lo sapevo'”.  Il Toolkit comprende un’area che spiega il fenomeno (perché oggi “il mafioso non si presenta in azienda con la coppola ma in giacca e cravatta”, ha ricordato Calabrò) e le fasi del processo di infiltrazione (avvicinamento, collusione, corruzione, intimidazione ed estromissione); un questionario che indaga l’eventuale infiltrazione criminale nell’azienda “con il linguaggio delle attività aziendali e non giuridico”; uno sportello a difesa delle piccole e medie imprese; un decalogo delle regole da seguire per difendere la propria azienda; una ricerca che monitora e analizza i rischi di infiltrazione criminale nel tessuto economico del Nord. Si tratta di uno strumento di informazione e di autodiagnosi per le imprese che vogliono verificare il loro grado di protezione e di impermeabilità a eventuali tentativi di infiltrazione e si rivolge soprattutto alle aziende di piccole e medie dimensioni, più esposte alla possibile infiltrazione criminale. Il Toolkit prende in esame 10 funzioni aziendali sensibili alle infiltrazioni e ne indica i potenziali rischi e i segnali di allarme, così gli imprenditori possono vigilare e monitorare attività e processi che, se non adeguatamente gestiti, potrebbero determinare situazioni di vulnerabilità. Per effettuare la valutazione online e avere il punteggio in tempo reale per ogni area della propria azienda, si può compilare un questionario che permette di ottenere un primo check up della propria situazione in azienda. Di tutto il lavoro messo in atto da Assolombarda, solo il difensore delle pmi è riservato agli associati. Il difensore, ha spiegato Verna, non è un giurista o un funzionario, ma “un imprenditore formato da Assolombarda con obbligo di riservatezza a cui un collega si può rivolgere per confrontarsi o avere consiglio”. Questo perché, ha aggiunto Calabrò, “Per molti imprenditori il rapporto diretto con le forze dell’ordine, auspicabilissimo, crea un blocco psicologico”. Ma, ha proseguito, “noi siamo qui per dire a ogni imprenditore che non è solo e che la mafia non è un’agenzia di servizi: non ci si può rivolgere alla mafia per recuperare dei crediti, o per ottenere un prestito, e poi metterla da parte; il rapporto con la mafia è per sempre. E alla fine la mafia di sottrae l’azienda”. La legalità “è un asset competitivo fondamentale per il sistema economico, un’essenziale leva di crescita per una economia, quella milanese e lombarda, che ha la responsabilità di fare da locomotiva dell’Italia – afferma Calabrò. – E le organizzazioni criminali, a cominciare dalla ‘ndrangheta, distorcono il mercato, bruciano risorse, mettono in seria difficoltà le imprese sane. Siamo pienamente consapevoli della presenza crescente negli anni delle cosche mafiose a Milano e in Lombardia, partendo dalla ‘ndrangheta ma non sottovalutando né Cosa Nostra siciliana né la camorra napoletana. E alle imprese diciamo da anni che la mafia non è un’agenzia cui rivolgersi per ottenere credito facile, soluzione di problemi, agevolazioni con le pubbliche amministrazioni corrotte ma un vero e proprio cancro che corrode l’economia. Per un imprenditore accettare rapporti con la mafia significa consegnare alla criminalità la propria impresa, per sempre. E danneggiare gravemente la crescita di tutti. Come Assolombarda ci consideriamo in prima linea nella lotta contro la mafia, con grande spirito di collaborazione con magistratura e forze dell’ordine. Una battaglia di legalità come strumento di sviluppo”.} else {

Condividi questo articolo