"/>
domenica 19 novembre 2017 07:56:58
omnimilano

ARTIGIANATO, MILANO E AREA METROPOLITANA UNICA IN CRESCITA IN LOMBARDIA

3 febbraio 2016 Imprese

Milano e l’area metropolitana tornano a crescere grazie alle imprese artigiane, che nel 2015 hanno segnato un +0,5% rispetto all’anno precedente, unico dato positivo tra tutte le provincie lombarde e rispetto alla media nazionale. Secondo una elaborazione dell’Unione Artigiani di Milano su dati della Camera di Commercio di Milano, sono 68.238 le imprese artigiane a fine 2015 nel capoluogo lombardo, 250.322 in Lombardia e 1.349.797 in Italia. Le iscrizioni state 5.680, le cessazioni 5.378 con un saldo positivo di 302 imprese (+0,5% appunto), rispetto all’anno precedente, in cui il saldo era di 65. Ancora negative le percentuali nel resto della Lombardia, che in media segna un -1,2% registrando una perdita di 3.046 imprese rispetto al 2014. Peggio ancora per il dato complessivo italiano, che segnala un -1,6%, con una emorragia di aziende artigiane pari a meno 21.760 realtà scomparse. La crescita è legata ai servizi alle imprese (+5,4%), alle costruzioni (+0,8%), ai servizi alla persona (+0,9%). In forte crescita i servizi di comunicazione (+8,9%). I settori principali rimangono le costruzioni (25 mila imprese), il manifatturiero (13 mila), servizi alla persona (9 mila) e trasporti (8 mila). La crescita è legata agli stranieri: pesano il 24,4% su tutte le imprese artigiane, erano il 23% un anno fa. Crescono del +6,3% le imprese straniere mentre gli imprenditori italiani sono in calo del -1,3%. I giovani rappresentano a Milano il 12%, in linea con il dato lombardo. Le donne pesano il 15,3%, più del 14,9% lombardo. Addetti, 429 in più in un anno. Sono 130 mila gli addetti nelle imprese artigiane a fine 2015, in crescita del +0,3%. Sono 429 addetti in più in un anno. Crescono gli addetti nell’istruzione (+26%, da 34 a 43), nella comunicazione (+8%, da 839 a 906), nei servizi legati alla fornitura di acqua (+3,6% da 278 a 288), nella ristorazione (+3,2%, da 4.840 a 4.996), nei trasporti (+1,1%, da 11.349 a 11.472). “I dati a consuntivo del 2015 – commenta il segretario generale dell’Unione Artigiani di Milano, Marco Accornero – testimoniano la vitalità del tessuto imprenditoriale milanese che fa perno storicamente sulle micro, piccole e medie imprese anche attraverso attività innovative. L’effetto Expo è indiscutibile, non solo in termini diretti, ma soprattutto in prospettiva, perché ha contribuito in maniera determinante a presentare Milano sotto una luce attrattiva e positiva, soprattutto all’estero, i cui effetti auspichiamo di vedere confermati anche in questi anni a seguire. Per il mercato del lavoro, poi, oltre alla crescita delle attività, va considerato il beneficio degli sgravi sulle assunzioni, che ha indotto diverse aziende a cavalcare l’onda della ripresa e con fiducia ad investire anche sulle risorse umane.” “Nel complesso – conclude Accornero – pur cogliendo con particolare favore i dati su Milano, non possiamo nascondere che comunque i quadri regionale e nazionale permangono ancora a tinte fosche, segnalando difficoltà difficili da superare. La speranza è che Milano faccia da volano per la diffusione dell’epidemia positiva della ripresa e che questi dati siano confermati e anzi migliorati nel 2016.”

Condividi questo articolo