"/>
martedì 12 dicembre 2017 11:26:04
omnimilano

Ambrogini, presentate 134 candidature: anche l’ex arcivescovo Scola dopo Tettamanzi

16 ottobre 2017 Cronaca, Politica

Alle 12 di oggi è scaduto il termine di presentazione delle domande per l’assegnazione delle Civiche Benemerenze che il Comune conferisce tradizionalmente ogni anno il 7 dicembre. Le candidature sono complessivamente 134. Tra queste, 74 sono di persone fisiche – 56 uomini e 18 donne – dieci delle quali alla memoria, e sessanta di associazioni.
A metà novembre sarà convocata la Commissione composta dai capigruppo e dall’Ufficio di Presidenza, che deciderà a chi assegnare le benemerenze. Lo comunica palazzo Marino.

I NOMI PROPOSTI – Sei anni dopo l’Ambrogino a Dionigi Tettamanzi, potrebbe essere ancora l’arcivescovo che ha appena lasciato la cattedra di Sant’Ambrogio a ricevere la Grande Medaglia d’Oro del Comune di Milano. Il cardinale e arcivescovo emerito Angelo Scola e’ fra le candidature proposte per le Benemerenze civiche di quest’anno, e in particolare per l’onorificenza per la quale la prassi di palazzo Marino chiede il consenso di tutte le forze politiche. A proporre il suo nome per la Grande Medaglia il presidente del consiglio comunale, Lamberto Bertole’.
Tra le 134 candidature depositate entro le 12 di oggi dai gruppi consiliari, ci sono per il Pd Linus, fondatore di Radio Deejay, la grecista Eva Cantarella, l’economista Michele Salvati. Per Forza Italia la giornalista Daniela Cuzzolin e l’ex portiere dell’Inter Walter Zenga. Per la Lega Nord oltre che Giuseppe Povia, la Camera della Moda, il Corpo di polizia penitenziaria del Beccaria, Mogol, Toni Renis, Diego Abatantuono e Francesca Schiavone. Insieme per Milano candida l’Istituto per la cooperazione internazionale, l’ex top model Benedetta Barzini e i lavoratori della filiera Amazon di Milano. Fra le proposte del gruppo Noi Milano don Virginio Colmegna e l’Istituto Besta, e alla memoria Nando Orfei, su iniziativa di Franco D’Alfonso. Il gruppo di M5s invece ha deciso di non candidare nessuno e non partecipare alle votazioni.

Condividi questo articolo