"/>
martedì 20 febbraio 2018 08:52:34
omnimilano

Ambrogini, la ‘Grande medaglia d’oro’ a Scola e la benemerenza ‘alla memoria’ per l’ex presidente della Triennale De Albertis

15 novembre 2017 Politica

Sarà il cardinale ed ex arcivescovo di Milano Angelo Scola a ricevere la grande medaglia d’oro, la benemerenza cittadina più importante. Il suo nome è stato votato all’unanimità dal comitato per le civiche benemerenze formato dall’Ufficio di presidenza e dai capigruppo del Consiglio comunale che si sono riuniti oggi alle 15 a Palazzo Marino per scegliere i vincitori delle 15 medaglie d’oro e dei 20 attestati di benemerenza che il sindaco Giuseppe Sala e il presidente del consiglio comunale Lamberto Bertolè consegneranno il prossimo 7 dicembre, come da tradizione al teatro Dal Verme. 135 erano state le proposte presentate. Il comitato ha deciso, anche in questo caso all’unanimità, di conferire l’Ambrogino alla memoria a Claudio De Albertis, ex presidente dei costruttori e della Triennale. Hanno ricevuto il voto di tutti i partecipanti anche l’ex modella Benedetta Barzini, la grecista Eva Cantarella, la tuffatrice Elena Bertocchi, gli oncologi Filippo De Braud e Francesco Garbagnati, l’ideatrice del salone satellite Marva Griffin, lo psichiatra Gustavo Pietropolli Charmet, l’economista Michele Salvati, il medico ed ex direttore del centro trapianti del Policlinico Giorgio Rossi, il fondatore della pasticceria Cova Enzo Ricci. Premiati anche il fondatore della Casa della Carità don Virginio Colmegna, il fondatore di Radio Deejay Linus, il giornalista Vladimiro Poggi e il direttore generale di Rolex Gian Riccardo Marini. Non è mancata la polemica su alcune candidature: quella dell’ex presidente di Atm Bruno Rota, avanzata dal consigliere Basilio Rizzo, è stata bocciata con i voti contrari del Pd e di InsiemeXMilano. Stessa sorte è toccata al cantante Giuseppe Povia, mentre il capogruppo di Forza Italia Gianluca Comazzi ha deciso di ritirare la candidatura dell’ex portiere della Nazionale Walter Zenga con l’obiettivo di riproporlo nel 2018, in occasione del trentennale dello scudetto interista del 1988/89.

Condividi questo articolo