"/>
lunedì 24 aprile 2017 11:27:55
omnimilano

Accoltellarono 18enne sul tram, altri due arresti per omicidio

29 marzo 2017 Cronaca

Eseguita stamattina dalla Squadra Mobile un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 2 salvadoregni legati alla gang di latinos MS13. I due sono ritenuti responsabili, in concorso con altri già arrestati, dell’uccisione del giovane albanese Albert Dreni, 18enne, accoltellato il 3 luglio scorso a bordo di un tram e morto nei giorni successivi per le ferite riportate. Il giovane era stato colpito dopo essere intervenuto in difesa dell’amico che la banda aveva scambiato per il componente di una gang rivale.  I due arrestati sono Martinez Martinez Jairo Oswaldo detto ‘Carnal’, 21enne incensurato e Ponce Torres Alfredo Ezequiel detto ‘Brujo’, 20enne arrestato per rapina aggravata 4-5 mesi fa e scarcerato da poco. Il primo è stato catturato stamani nella propria abitazione in zona Lambrate, l’altro è stato raggiunto dagli agenti della Squadra Mobile a Garbagnate Milanese.
Entrambi i giovani sono considerati contigui alla gang MS13. Dalle immagini è emerso che il 3 luglio hanno partecipato all’aggressione dando pugni e calci alla vittima e l’hanno immobilizzata assieme ad altri. Le indagini in merito all’aggressione hanno portato a due fermi eseguiti dopo poche ore dall’episodio, nei confronti di due giovani di origine centro americana. L’11 agosto scorso sono state eseguite altre 7 ordinanze di custodia cautelare di cui 3 a carico di minori. Le indagini sono proseguite ininterrottamente portando all’identificazione dei due salvadoregni catturati oggi e proseguono, sono infatti al vaglio altre persone che avrebbero svolto ruoli più marginali nell’omicidio del giovane albanese. L’identificazione dei partecipanti dalle immagini dell’aggressione è difficoltosa, le indagini si sono basate anche su intercettazioni telefoniche e su pedinamenti. Entrambi i salvadoregni sono stati travati nelle proprie abitazioni e non si sarebbero allontanati dalla zona di Milano. Non hanno un lavoro fisso e vivono di lavoretti, sono in Italia presumibilmente da diversi anni essendo ben inseriti e riconosciuti nella gang ma, essendo irregolari, non é possibile al momento conoscere la data del loro arrivo in Italia.

Condividi questo articolo