"/>
mercoledì 23 agosto 2017 15:57:20
omnimilano

Regione, 24mila tablet per il voto elettronico al referendum sull’autonomia

26 luglio 2017 Politica

La Regione ha firmato ieri il contratto di fornitura per 24 mila tablet per il voto elettronico in vista del referendum per una maggiore autonomia alla Lombardia. Lo ha riferito il presidente della Regione Roberto Maroni a margine della presentazione del Ptra Franciacorta a Palazzo Lombardia. I tablet ha spiegato il governatore saranno utilizzati in tutti i circa 8 mila seggi in cui si voterà: “ho deciso, nel decreto che ha indetto il referendum, di fare il voto elettronico nel 100% dei seggi: quindi non ci saranno carta, né matite copiative, le mettiamo in archivio per sempre”. Quasi immediate anche le procedure di spoglio: “Alle 7.00 si aprono i seggi, alle 23.00 si chiudono, alle 23.05 avremo i risultati – ha detto Maroni – sapremo quanta gente è andata a votare, quanti hanno votato sì, quanti no, quante schede bianche”. Sullo schermo dei tablet, ha anticipato il governatore, comparirà il quesito referendario con le 3 caselle ‘si’, ‘no’ ‘bianca’ ed è garantito l’anonimato: ad esempio non comparirà l’orario del voto. Dopo il 22 ottobre ha infine confermato Maroni i tablet, con il software cambiato, resteranno in comodato d’uso alle scuole sede di seggio. L’importo per l’acquisto degli strumenti elettronici per il voto del referendum per l’autonomia, fa sapere la Regione è di 23 milioni (21 + iva). E il presidente Roberto Maroni precisa che “è un investimento, non una spesa, perchè rimangono in dotazione alle scuole come strumento didattico”.

Condividi questo articolo