"/>
mercoledì 20 settembre 2017 16:49:55
omnimilano

22enne accoltellato in piazza Duca d’Aosta. Sala: “Più spazi commerciali in Centrale per area più vivibile”

7 settembre 2017 Cronaca, Politica

Aggressione la scorsa notte alle 2.45 in piazza Duca D’Aosta ai danni di un giovane di 22enne del Gambia con precedenti, secondo quanto riporta un documento che gli è stato trovato addosso, ma la sua identità è ancora da verificare. Il giovane è stato colpito con una coltellata, o un coccio di bottiglia, all’addome.
Ad allertare le forze di polizia è stata una pattuglia della polizia locale che era in supporto ai mezzi dell’Amsa all’opera in quel orario. Sull’episodio indaga la squadra mobile, il giovane non sarebbe in pericolo di vita, è stato operato in nottata al Policlinico. Dopo la notizia del ferimento, interpellato dai giornalisti, il sindaco Giuseppe Sala ha commentato: “Quello della stazione Centrale è un problema che si ripresenta e noi dobbiamo continuare a essere molto attenti. Stanotte c’è stato un intervento immediato, adesso mi dicono che l’aggredito è fuori pericolo di vita, però obbiettivamente mi tocca ribadire sempre la solita cosa, cioè che poiché non abbiamo alcuna bacchetta magica e alcuna soluzione radicale, dobbiamo porre grande e continua attenzione”.. “La Stazione Centrale – ha aggiunto Sala – è un luogo importante e credo si debba a questo punto velocizzare le discussioni che abbiamo con Fs per rendere la stazione più viva anche all’esterno: sono favorevole al massimo utilizzo di spazi a fini commerciali per rendere più transitabile l’area”. Per l’opposizione invece servono più controlli: “Non dovevano essere serrati i blitz in stazione centrale? L’ultimo è stato fatto ormai un mese fa, così sono inutili. Ieri un ragazzo gambiano è stato ferito gravemente in piazza Duca d’Aosta e negli scorsi giorni si sono registrati scippi, rapine e arresti per spaccio. E’ una polveriera, i controlli devono essere frequenti e continui”, dichiara Riccardo De Corato, capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale in Regione Lombardia. Anche per la consigliera comunale di Fi, Silvia Sardone, è necessario un maggiore presidio dell’area: “I controlli devono essere quotidiani, anche in orari notturni, ma soprattutto chi non ha diritto di stare in Italia deve essere rimpatriato”.

Condividi questo articolo